Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 23 luglio 2017
 
 
Articolo di: lunedì, 27 marzo 2017, 10:40 m.

Successo di visitatori per le Giornate di Primavera del Fai

Quasi 17.400 tra Novara, provincia e Valsesia

NOVARA - Ci mettono passione ed entusiasmo. E anche professionalità. Sono il valore aggiunto delle Giornate di Primavera: gli Apprendisti Ciceroni. Studenti di ogni ordine e grado che hanno accompagnato in visita per la due giorni di arte e cultura proposta sul territorio della delegazione Fai di Novara. Sabato 25 e domenica 26 marzo apertura di 29 beni tra la città (cinque nel capoluogo), il Novarese, il Cusio e la Valsesia. Filo rosso della 25ª edizione la parola innovazione declinata tra futuro sostenibile, formazione e ricerca. In campo la delegazione di Novara guidata da Giuseppina De Vito per un percorso sviluppato tra architettura industriale e monumenti storici. A Novara, nel quartiere di Sant’Agabio, porte aperte alla Fondazione Novara Sviluppo – Polo Scientifico e Tecnologico, al Centro di Ricerca Applicata Ipazia (P.I.S.U.), al Centro Ricerche Eni per le Energie Rinnovabili e l’Ambiente, alla Società Isagro – Centro di Ricerca per l’Agricoltura Sostenibile e all’Università del Piemonte Orientale – Dipartimento di Scienze del Farmaco. Sul territorio visite da San Nazzaro a San Pietro Mosezzo, da Soriso alla Valsesia. In campo sempre gli Apprendisti Ciceroni: nella sede di Isagro gli studenti conducono i visitatori tra laboratori, uffici e serre per carpire i “segreti” di un’eccellenza del territorio che opera nel settore della ricerca, della produzione e dello sviluppo di agrofarmaci per la protezione delle colture agricole, investendo nell’innovazione e nello sviluppo di nuove molecole agrochimiche e di principi attivi con basso impatto ambientale: «Una bellissima esperienza – ci dicono Gianluca, Elisa e Matteo, alunni della III F dell’Istituto Agrario “Bonfantini”, al lavoro con i colleghi dell’Itis “Omar” -, alcuni nomi sono un po’ difficili da ricordare, ma quello che facciamo è interessante e ha un aggancio con il nostro corso di studi. E poi impariamo anche cose nuove. La gente è molto interessata e fa domande per sapere di più». Altro fiore dell’occhiello il Centro Ricerche Eni per le Energie Rinnovabili e l’Ambiente: oltre 170 invenzioni coperte da più di 500 brevetti in Italia e nel mondo, a scrivere pagine importanti nel campo della ricerca. I visitatori fanno subito la conoscenza dei Pannelli Fotovoltaici Organici e dei Concentratori Solari Luminescenti: sono informatissimi gli studenti che illustrano le tecnologie innovative per lo sfruttamento dell’energia solare e degli scarti urbani, agricoli e forestali. «Impariamo un sacco con questa esperienza – commentano Maria e Fatine della III CCM dell’Istituto Fauser – per niente impegnativa, anzi. Un’attività extrascolastica che ci aiuta a relazionarci con altre persone e a sviluppare un linguaggio tecnico che non usiamo». Anche Kevin è di terza, sezione CI (al lavoro nel Centro Eni ci sono anche i colleghi del “Bonfantini”): «Avevo fatto una esperienza più “storica” a Casalino, ma anche questa mi piace molto. Non è pesante per niente». Qui pulsa il cuore delle ricerche compiute da Giacomo Fauser. Del grande ingegnere e chimico novarese e dell’Istituto Donegani si sono occupati gli alunni della III C della media San Rocco Pajetta (Istituto Comprensivo “Rita Levi Montalcini”): «Hanno lavorato in una settimana – commentano le insegnanti, Monica Mariniello e Cristina Ranza, fiere dell’impegno della classe – creando un percorso ricco di tante slide e mappe schematizzate, che punta sulla grafica». Le studentesse sono entusiaste: «Un bel lavoro di squadra, che ci ha fatto conoscere Giacomo Fauser e imparare cose nuove. Non è il primo anno che facciamo i ciceroni e ci piace sempre di più». I visitatori (che hanno potuto utilizzare una navetta Sun per spostarsi) promuovono a pieni voti il percorso. Qualche commento al volo: «Ero un po’ scettico, niente chiese o i soliti edifici. E invece mi sono ricreduto: un’ottima proposta di visita che mette in luce l’eccellenza della città, non conosciuta come dovrebbe».

Eleonora Groppetti

Articolo di: lunedì, 27 marzo 2017, 10:40 m.

Dal Territorio

Lunga Notte di Arona: massima sicurezza per accogliere 25mila persone

Lunga Notte di Arona: massima sicurezza per accogliere 25mila persone
ARONA - Massima sicurezza, ma senza censura al divertimento, per la Lunga Notte del weekend. A seguito dei recenti fatti di Torino sono aumentati i controlli in occasione di manifestazione con forte afflusso di persone. E la Lunga Notte non sarà da meno. «Già dall’anno scorso sono stati messi in atto protocolli di prevenzione in modo da far svolgere con(...)

continua »

Altre notizie

Calcio, Corini lancia già il Novara: «Ottimo inizio»

Calcio, Corini lancia già il Novara: «Ottimo inizio»
NOVARA - In pochi giorni Eugenio Corini si è conquistato la simpatia dell’ambiente Novara, grazie alla signorilità e alla serietà nel lavoro.   Fin da subito il tecnico e il nuovo staff si sono dimostrati estremamente disponibili con i tifosi che quotidianamente stazionano a Novarello, incontrando lunedì sera anche alcuni rappresentanti del(...)

continua »

Altre notizie

Lite con investimento tra piazza Martiri e parco dell’Allea nella notte

Lite con investimento tra piazza Martiri e parco dell’Allea nella notte
NOVARA, Ancora un episodio particolarmente animato in centro città, a Novara, nella notte tra sabato e domenica. La vicenda, una lite tra due albanesi e un marocchino, che ha poi visto il coinvolgimento anche di un italiano, è iniziata in piazza Martiri, davanti al locale 049, intorno alle 2,30. Un’accesa discussione, che si è trasformata in una lite e poi in un(...)

continua »

Altre notizie

Midsummer, grande jazz sul lago

Midsummer, grande jazz sul lago
Primo appuntamento oggi, martedì 18 luglio, nel parco di Villa La Palazzola, con Midsummer Jazz Concerts, dal 18 al 21 a Stresa, sabato 22 e domenica 23 luglio al Teatro “Il Maggiore" di Verbania. Ad aprire la rassegna jazz, giunta alla sesta edizione e inserita nel cartellone di Stresa Festival, sono il pianista spagnolo Chano Dominguez, Horacio Fumero al contrabbasso e David(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top