Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 20 novembre 2017
 
 
Articolo di: martedì, 12 settembre 2017, 10:18 m.

Processo Giordano: spazio alla difesa

I testi: “Alla festa di compleanno di Giordano c’era anche Cortese”

NOVARA, Si è tornati in aula lunedì per una nuova udienza del processo relativo al caso Giordano, la maxi inchiesta che vede il coinvolgimento dell’ex sindaco di Novara ed ex assessore regionale Massimo Giordano e di altri 18 imputati. E’ la prima udienza dopo la pausa estiva. Molti i testi della difesa ascoltati in aula e dai quali si evince la linea difensiva adottata dai legali dell’ex primo cittadino. A partire dal voler dimostrare che, alla festa per i 40 anni di Giordano, sulla terrazza del bar Coccia, fosse presente anche l’allora comandante della Polizia municipale, Paolo Cortese, fatto che quest’ultimo ha sempre rigettato. A rilevare la presenza dell’allora comandante diversi testi, compresa Laura Bianchi, consigliera comunale di maggioranza nella Giunta Giordano e presidente della Fondazione Castello e il giornalista Gigi Santoro. “Alla festa ho incontrato – ha detto quest’ultimo – il questore Ricciardi con la figlia, l’allora prefetto Amelio e ho incontrato al bancone del bar il comandante in borghese”. Sempre Santoro ha escluso che ci fosse un’amicizia tra Giordano e il gestore del bar, Mario Berti. “Non mi risulta – ha poi aggiunto – Credo il loro fosse un normale rapporto cliente-gestore”. Così anche Laura Bianchi, amica dell’ex sindaco: “Berti non era nel nostro giro di amici, non è mai uscito con noi”. Testimonianze, queste, che, nella linea difensiva, tenderebbero a dimostrare che tra Cortese e Giordano ci fosse un rapporto d’amicizia, tanto da aver partecipato alla festa e come, soprattutto, l’ex assessore regionale non abbia favorito la gestione del bar Coccia, come – invece – sostiene la Procura di Novara. Per l’accusa, infatti, Giordano avrebbe fatto pressione sull’ex comandante affinché non si facessero controlli al locale. Ascoltati altri testi, mentre ad altri la difesa ha rinunciato. Prossima udienza il 25 ottobre, quando saranno ascoltati l’allora capitano della Compagnia di Novara dei Carabinieri, Emanuele Caminada, l’allora consigliere di minoranza Domenico Ierace e operanti della polizia giudiziaria.

Monica Curino

Per saperne di più leggi il Corriere di Novara in edicola giovedì 14 settembre

 

Articolo di: martedì, 12 settembre 2017, 10:18 m.

Dal Territorio

Suno: schianto tra due veicoli, sul posto il 118

Suno: schianto tra due veicoli, sul posto il 118
SUNO, Incidente stradale domenica pomeriggio, intorno alle 18,30, lungo la strada regionale 229 del lago d’Orta, nel territorio di Suno, nel Novarese. Il tutto all’altezza dell’incrocio con la Baraggia di Suno.Qui, per cause in fase di ricostruzione da parte dei Carabinieri di Momo, due veicoli sono entrati in collisione. Sul posto sono intervenuti anche i Vigili del fuoco(...)

continua »

Altre notizie

Il Novara cede al Bari

Il Novara cede al Bari
NOVARA - BARI 1-2   NOVARA:  Montipò, Golubovic, Mantovani, Del Fabro, Dickmann,Moscati, Orlandi, Sciaudone (11’ st Chajia), Calderoni, Macheda (20’ st Maniero), Da Cruz (26’ st Di Mariano).  All.:  Corini.   BARI:  Micai, Anderson, Gyömbér, Tonucci, Fiamozzi, Petriccione, Basha (25’ st(...)

continua »

Altre notizie

Don Camillo e Peppone? Sono a Galliate

Don Camillo e Peppone? Sono a Galliate
GALLIATE - Galliate come Brescello. Sta per arrivare a Galliate una “full immersion” nelle atmosfere di Don Camillo e Peppone. E’ in allestimento proprio in questi giorni, a cura della Pro loco, una mostra itinerante, a carattere antologico, all'insegna del "Mondo piccolo" con i personaggi che hanno reso immortale l’autore Giovannino Guareschi. La mostra(...)

continua »

Altre notizie

Bonifica cava della Romentino Inerti: «A pagare non siano i cittadini»

Bonifica cava della Romentino Inerti: «A pagare non siano i cittadini»
ROMENTINO - Ora che il processo per presunto traffico illecito di rifiuti alla cava della Romentino Inerti si è concluso con sei assoluzioni, l’Amministrazione comunale guarda al futuro con una certa preoccupazione. Che ne sarà del sito di via Torre Mandelli dove sono stati ritrovati rifiuti che lì non dovevano essere? Chi effettuerà la bonifica?(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top