Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 23 novembre 2017
 
 
Articolo di: venerdì, 13 ottobre 2017, 6:45 p.

Partono con la "Novara romana" "I Venerdì dell'arte novarese"

Il ciclo di incontri proseguirà fino a fine maggio 2018

NOVARA - Inizia oggi, 13 ottobre, il ciclo di incontri "I Venerdì dell'arte novarese". Alle 17.30, al Castello visconteo-sforzesco, relatrice sul tema “Novara romana: frammenti di una città” sarà Giuseppina Spagnolo, già membro della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Biella, Novara, Verbano-Cusio-Ossola e Vercelli.

L'iniziativa, a cura del Comune, della Soprintendenza e dell’Ufficio Beni Culturali della Diocesi, ha come obiettivo quello di far conoscere, attraverso una serie di lezioni, i principali momenti della cultura materiale, figurativa ed architettonica di Novara dall’Antichità fino al Novecento, mettendone in luce i rapporti con le contemporanee vicende italiane ed europee: gli interventi, affidati a esperti che operano nelle principali istituzioni del territorio o che hanno studiato, con particolare attenzione e risultati innovativi, i temi locali, sono rivolti al grande pubblico e permetteranno inoltre di approfondire alcuni temi oggetto di importanti appuntamenti previsti nei prossimi mesi o al centro del dibattito cittadino, come l’esposizione dei dittici eburnei nel Vescovado, il recupero di importanti spazi-contenitori portato avanti in questi ultimi anni dall’Amministrazione comunale e la grande mostra gaudenziana prevista per il prossimo anno. Per ricordare più facilmente la sequenza degli incontri è stata scelta una cadenza settimanale – il venerdì alle 17.30 – che copre da ottobre 2017 fino a giugno 2018 e s’infittisce in prossimità della festa patronale di San Gaudenzio. Anche le sedi sono significative per la storia della città e, in alcune occasioni, saranno esse stesse oggetto degli appuntamenti: il Vescovado, la ‘Sala del compasso’ nella basilica di San Gaudenzio, il Castello, l’Arengario, la Cappella del Vecchio Seminario sono i luoghi che al pubblico evocheranno immediatamente il senso vivo dell’arte e della storia di Novara.

Il secondo appuntamento è per il 20 ottobre nella Sala della Maddalena del Palazzo Vescovile "I dittici in avorio della Chiesa novarese e la memoria dell’antica tradizione episcopale" con relatrice Simona Gavinelli, dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano;  il 3 novembre nel Salone Arengo del Broletto, "I dipinti di Felice Casorati alla Galleria Giannoni: nuove forme per il novecento" con Susanna Borlandelli, storica dell’arte Novara; il 12 gennaio ancora nel Salone Arengo del Broletto, "Il Campanile di Benedetto Alfieri per la Basilica di San Gaudenzio: l'arrivo della cultura di corte di Torino" con Cecilia Castiglioni, della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Biella, Novara; Verbano-Cusio-Ossola e Vercelli; il 26 gennaio nella Basilica di San Gaudenzio (alle ore 18.30) "Tanzio da Varallo nella Basilica di San Gaudenzio: tra la Milano borromaica e la Roma di Caravaggio" con Filippo Ferro, storico dell’arte; giovedì 2 febbraio alle 17.30 nel Salone Arengo del Broletto, "Testimonianze scultoree per l'archeologia del Medioevo novarese: due capitelli decorati dagli scavi del centro urbano" con Eleonora Destefanis, Università degli Studi del Piemonte Orientale – Amedeo Avogadro; 9 febbraio nel Duomo di Novara, "Il San Francesco del Guercino nel Duomo: il capolavoro arrivato per ultimo" con Francesco Gonzales, dell'Ufficio per i Beni Culturali Ecclesiastici della Diocesi di Novara; il 2 marzo al Castello Visconteo Sforzesco,"Segni della presenza longobarda a Novara e nel novarese: la croce a Norimberga e altre testimonianze" con Caterina Giostra, dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano; il 16 marzo  al Castello Visconteo Sforzesco, "La Pala di Gaudenzio Ferrari per i canonici del Duomo: dentro la maniera moderna" con Massimiliano Caldera, della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Biella, Novara; Verbano-Cusio-Ossola e Vercelli; il 6 aprile al Castello Visconteo Sforzesco, "Prima del Castello" con Francesca Garanzini, della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Biella, Novara; Verbano-Cusio-Ossola e Vercelli; 4 maggio nel Vecchio Seminario, in via Dominioni, "Imprese architettoniche di Stefano Ignazio Melchioni nella Novara del primo Ottocento" con Paolo Mira, dell'Ufficio per i Beni Culturali Ecclesiastici della Diocesi di Novara; il 25 maggio nel Salone Arengo del Broletto, "Architetture del Novecento a Novara tra sviluppo industriale e soluzioni residenziali" con Cristina Natoli, della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Biella, Novara, Verbano-Cusio-Ossola e Vercelli. 

Articolo di: venerdì, 13 ottobre 2017, 6:45 p.

Dal Territorio

Sgarbi al teatro Coccia con il suo "Michelangelo"

Sgarbi al teatro Coccia con il suo "Michelangelo"
NOVARA - Vittorio Sgarbi torna a Novara venerdì 24 novembre per lo spettacolo al Teatro Coccia "Michelangelo" (inizio alle 21, evento fuori stagione). Il critico d'arte, la cui collezione è in mostra al castello di Novara fino al 14 gennaio, racconterà la vita del Buonarroti accompagnato dalla musica di Valentino Corvino (compositore, in scena interprete) e assieme alle(...)

continua »

Altre notizie

Il Novara cede al Bari

Il Novara cede al Bari
NOVARA - BARI 1-2   NOVARA:  Montipò, Golubovic, Mantovani, Del Fabro, Dickmann,Moscati, Orlandi, Sciaudone (11’ st Chajia), Calderoni, Macheda (20’ st Maniero), Da Cruz (26’ st Di Mariano).  All.:  Corini.   BARI:  Micai, Anderson, Gyömbér, Tonucci, Fiamozzi, Petriccione, Basha (25’ st(...)

continua »

Altre notizie

Crac Phonemedia, gli ex dipendenti in aula

Crac Phonemedia, gli ex dipendenti in aula
NOVARA, Nuova udienza, martedì mattina in Tribunale a Novara, per il crac “Phonemedia”, vicenda che ha interessato molto da vicino anche il capoluogo gaudenziano. In aula, a questa nuova udienza del processo, che riguarda una delle vicende più discusse degli ultimi anni in città, anche cinque ex lavoratori, una parte dei venti che si sono costituiti parte(...)

continua »

Altre notizie

Chiude la discarica di Barengo, urge trovare un altro impianto

Chiude la discarica di Barengo, urge trovare un altro impianto
La discarica di Barengo chiuderà nel 2018, è l’unico impianto sul territorio del Novarese per lo smaltimento dei rifiuti indifferenziati e urge trovare un altro impianto dove conferire circa 58.000 tonnellate all’anno. Tre le soluzioni possibili. Il bando di gara si chiude con un vincitore oppure il progetto di un sopralzo. In alternativa prende piede(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top