Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 19 ottobre 2017
 
 
Articolo di: domenica, 05 marzo 2017, 12:27 p.

Parte la colletta dei privati per salvare le caprette di Cressa

Gara solidale dopo lo sfogo dell'allevatore che deve buttare via il latte

CRESSA - Sono tornate finalmente a fare tre pasti al giorno le caprette di Rosario Sabia, l'allevatore del Medio Novarese che aveva raccontato al nostro giornale di non riuscire più a mantenere i suoi animali. Una decina di persone, privati cittadini della zona, stanno infatti facendo una colletta per aiutare l’uomo e le sue bestiole. Fieno e mais per la settantina di caprette che ancora si trovano in condizioni precarie nel capannone di via Suno a Cressa, ma che, grazie ai pasti regolari, hanno perlomeno smesso di ammalarsi e morire.Come ci aveva raccontato poco più di due settimane fa, Rosario Sabia continua a trovarsi in gravi difficoltà finanziarie, dopo aver speso i suoi risparmi per creare un allevamento in una stalla risultata non a norma. «Ho denunciato chi mi ha affittato la struttura ma, in attesa della decisione del giudice, ho perso i permessi necessari per lavorare perché il capannone non ha i requisiti necessari», aveva detto. L’intricata vicenda è cominciata un anno e mezzo fa con la firma di un contratto d’affitto nel quale il signor Sabia rileva, a suo dire, pesanti irregolarità e si complica quando l’allevatore si rende conto che manca l’agibilità della struttura. «Credevo ancora di poter avviare la mia attività – ci aveva raccontato - così ho speso tutti i risparmi miei e della mia compagna per realizzare i lavori più urgenti nella stalla e per comprare l’attrezzatura». La situazione però non si sblocca, anzi, quando l’allevatore trasferisce comunque le sue bestie nel capannone scattano le multe dell’Asl perché la struttura non è a norma. «Non potevo fare altrimenti perché la vecchia stalla era così piccola che gli animali si ferivano con le corna tra loro» aveva spiegato Sabia.«Purtroppo dal punto divista legale non ci sono novità: la causa non ha fatto progressi e quindi la mia situazione rimane molto precaria – racconta oggi il signor Rosario Sabia – Ringrazio davvero chi si sta prodigando per aiutarmi ma è impossibile, oltre che ingiusto, continuare a contare solo sul buon cuore della gente per far sopravvivere i miei animali» Una catena di generosità che si è concretizzata anche nelle telefonate alla nostra redazione dopo che abbiamo reso pubblica la storia. «Ho sentito davvero tanta vicinanza e molte persone sono venute a trovarmi in stalla – conclude l’allevatore– Ora spero che possa presto esserci una conclusione giudiziaria alla mia vicenda».Lucia Panagini

Articolo di: domenica, 05 marzo 2017, 12:27 p.

Dal Territorio

Corsi aperti a Borgomanero, la proposta: "Prima ora di sosta gratuita"

Corsi aperti a Borgomanero, la proposta: "Prima ora di sosta gratuita"
Borgomanero  - “Sembrava di essere in un giorno normale, quando lungo i quattro corsi e in piazza Martiri le auto circolano liberamente”: questo uno dei commenti a caldo raccolti tra i commercianti del centro cittadino venerdì pomeriggio, riaperto al traffico automobilistico nell’ambito di un progetto sperimentale che prevede per la durata di sei mesi, sino al 2(...)

continua »

Altre notizie

Igor Volley in festa al Teatro Coccia

Igor Volley in festa al Teatro Coccia
NOVARA - Il Teatro Coccia addobbato a festa, griffato in ogni angolo con il tricolore dello scudetto e gremito in ogni ordine di posto, è stato protagonista anche quest’anno dell’apertura ufficiale, ieri sera, della stagione agonistica della Igor Volley Novara, neo campione d’Italia, con la presentazione della squadra. Anche in questa occasione, Lorenzo Dallari, vice(...)

continua »

Altre notizie

Indagine dei Carabinieri: tre in manette per droga

Indagine dei Carabinieri: tre in manette per droga
Era diventata il punto di riferimento di molti giovani per lo spaccio di sostanze stupefacenti. Negli ultimi mesi, l’area di via San Bernardino da Siena a Novara era monitorata dai militari del Nucleo Investigativo dei Carabinieri, perché era stato ripetutamente segnalato un sospetto “via vai” di giovani in varie ore della giornata. Le indagini, durate(...)

continua »

Altre notizie

Con "Copenaghen" si apre il cartellone di Prosa al Teatro Coccia

Con "Copenaghen" si apre il cartellone di Prosa al Teatro Coccia
NOVARA - Si apre il cartellone di Prosa 2017/2018 al Teatro Coccia. Sabato 21 ottobre alle 21 e domenica 22 alle 16 sarà in scena "Copenaghen" con Umberto Orsini, Massimo Popolizio, Giuliana Lo Jodice. In un luogo che ricorda un'aula di fisica, immersi in un'atmosfera quasi irreale, tre persone, due uomini e una donna, parlano di cose successe in un lontano passato, cose(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top