Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 24 febbraio 2018
 
 
Articolo di: lunedì, 17 luglio 2017, 7:51 p.

Movida novarese: sospensione della licenza per 10 giorni al “Carpe Diem”

A seguito della violenta lite avvenuta tra venerdì e sabato

NOVARA, Il Questore di Novara, a seguito di accertamenti svolti dagli uffici investigativi della Questura dopo quanto accaduto lo scorso 15 luglio, intorno alle 00,30, tra corso Italia e via Omar, nei pressi del locale “Carpe Diem”, ha disposto, con proprio decreto, la sospensione per 10 giorni, a partire da oggi, dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande del locale. Un provvedimento a carattere preventivo per evitare il crearsi di possibili altri analoghi episodi. 

Le indagini svolte, infatti, hanno evidenziato, rileva una nota della Questura, come, nei pressi del medesimo locale, sia avvenuta una lite per futili motivi tra un avventore e un passante, poi trascesa in atti violenti, all’esito dei quali il cliente dell’esercizio pubblico ha riportato una frattura scomposta della parete mediale e del pavimento orbitario con prognosi di 30 giorni circa.

Le indagini hanno evidenziato che il cliente del locale stava partecipando a una festa iniziata alle 19.30, nel corso della quale tutti gli invitati avevano assunto una notevole quantità di alcool, tanto che il malcapitato, all’esito degli esami effettuati in ospedale, aveva un tasso alcoolemico pari addirittura a 2,20 g/l (oltre 4 volte il consentito). Questo comporta, rileva la Polizia, come ovvia deduzione, che i dipendenti del locale in questione "abbiano continuato a servire sostanze alcoliche a persone in stato di manifesta ubriachezza, violando esplicitamente la norma di cui all’articolo 691 del codice penale. Tale asserzione è corroborata dagli accertamenti effettuati anche nell’immediatezza dal personale di Polizia intervenuto, che ha constatato la presenza di numerosissimi giovani in evidentissimo stato di ebbrezza, tanto che lo stesso personale riusciva a ottenere informazioni solo con estrema difficoltà”.

Per quanto concerne le condotte dei singoli soggetti coinvolti nei fatti, ed in particolar modo quella del giovane autore delle lesioni, si comunica che lo stesso è stato denunciato per il reato di lesioni gravi alla locale Procura di Novara.

mo.c.

Gallery articolo
*clicca sulle immagini per ingrandire

3.jpg

Articolo di: lunedì, 17 luglio 2017, 7:51 p.

Dal Territorio

Terza rapina in villa in tre giorni: l'ultimo episodio a Granozzo

Terza rapina in villa in tre giorni: l'ultimo episodio a Granozzo
GRANOZZO, Ancora una rapina in un'abitazione, in particolare in una villa, nel Novarese. E adesso è davvero allarme. Negli ultimi anni si fatica a ricordare una serie così lunga di episodi di rapine perpetrate ai danni di abitazioni private in provincia di Novara. E, soprattutto, così ravvicinate, a distanza solo di 24 ore, o anche meno, una dall'altra. Dopo gli(...)

continua »

Altre notizie

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

"Oneshot": moto d’epoca restaurate

"Oneshot": moto d’epoca restaurate
NOVARA -  Si svolge a Casa Bossi, via Pier Lombardo 4, oggi sabato 24 e domenica 25 febbraio, dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19, la mostra "Oneshot". E' un'esposizione di moto d'epoca restaurate: Bmw R69s del 1965; Bmw r75/5 del 1973; Hercules 100gs America del 1968; Hercules gs 125 del 1972; BSA b25ss del 1972; Laverda 750SF del 1970; Yamaha xs 2 del 1973;Bultaco alpina 250 del(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top