Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 24 febbraio 2018
 
 
Articolo di: lunedì, 15 maggio 2017, 7:47 p.

In 1.600 alla terza edizione della Granfondo Novara

Tre percorsi e le premiazioni con le campionesse della Igor Volley

NOVARA - Partenza da piazza Martiri alle 9 di ieri mattina per la 3ª edizione della “Granfondo Novara”, sotto l’egida del main sponsor “Marcello Bergamo”. Pianificata impeccabilmente da Vittorio Mevio, presidente del Gruppo Sportivo Alpi Sondrio, la gara ha coinvolto la bellezza di 1.600 corridori, di cui 80 donne, tra appassionati ed ex professionisti. Tre i tragitti stabiliti e raccordati su un vasto territorio che ha coinvolto non solo il Novarese ma anche le province di Biella e Vercelli, le tre Prefetture e circa 30 comuni. Per non parlare dei 60 mezzi a disposizione, tutti rigorosamente dotati di satellitare e dei 240 volontari posizionati lungo il tragitto. «Mettere d’accordo tutti non è stato facile – ha commentato Mevio – anche perché questo tipo di manifestazioni devono assolutamente essere regolamentate in ogni dettaglio e la differenza la fa la sicurezza. Quando l’Amministrazione comunale mi ha proposto di organizzare l’evento, pensavo ad una location di un certo tipo e ho scelto subito piazza Martiri perché la prima volta che l’ho vista me ne sono innamorato». Per rendere l’idea della programmazione, ad ogni ciclista è stato inserito un chip vicino alla ruota, che al chilometro 50 ha determinato quale dei tre percorsi scegliere; se quello più impegnativo di 171.3 km e 2.235 metri di dislivello, “medio” di 148.8 km e 1.762 metri di dislivello o “corto” di 124.3 km e 889 metri di dislivello. A premiare i vincitori, in una gremitissima piazza Martiri, la squadra di Volley dell’Igor Novara neo campione d’Italia a rendere l’evento ancora più spettacolare. Per la Granfondo maschile primo posto per Andrea Gallo del Team Isolmant (04:51:51); si aggiudica la Granfondo femminile Erica Magnaldi del Team De Rosa Santini (05:11:43); Mediofondo maschile a Niki Giussani del Team Marville (04:04:02); Mediofondo femminile ad Annalisa Prato del Team De Rosa Santini (04:32:18); Fondo maschile a Federico Vilella dell’Asd Amici Comaschi Del Ciclismo (03:11:44); Fondo femminile a Chiara Costamagna Chiara del Team De Rosa Santini (03:22:13).

Massimo Centrella

Articolo di: lunedì, 15 maggio 2017, 7:47 p.

Dal Territorio

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Terza rapina in villa in tre giorni: l'ultimo episodio a Granozzo

Terza rapina in villa in tre giorni: l'ultimo episodio a Granozzo
GRANOZZO, Ancora una rapina in un'abitazione, in particolare in una villa, nel Novarese. E adesso è davvero allarme. Negli ultimi anni si fatica a ricordare una serie così lunga di episodi di rapine perpetrate ai danni di abitazioni private in provincia di Novara. E, soprattutto, così ravvicinate, a distanza solo di 24 ore, o anche meno, una dall'altra. Dopo gli(...)

continua »

Altre notizie

"Oneshot": moto d’epoca restaurate

"Oneshot": moto d’epoca restaurate
NOVARA -  Si svolge a Casa Bossi, via Pier Lombardo 4, oggi sabato 24 e domenica 25 febbraio, dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19, la mostra "Oneshot". E' un'esposizione di moto d'epoca restaurate: Bmw R69s del 1965; Bmw r75/5 del 1973; Hercules 100gs America del 1968; Hercules gs 125 del 1972; BSA b25ss del 1972; Laverda 750SF del 1970; Yamaha xs 2 del 1973;Bultaco alpina 250 del(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top