Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 24 febbraio 2018
 
 
Articolo di: giovedì, 13 luglio 2017, 8:05 p.

Dopo la rissa in piazza Martiri, 15 giorni di chiusura per il “Plaza”

Provvedimento di avviso orale del questore per i due coinvolti nell’alterco

NOVARA, Continuano senza sosta le indagini della Polizia di Stato per ricostruire la dinamica dell’episodio della rissa avvenuto nella notte tra lunedì e martedì in piazza Martiri, a Novara.

Dai primi accertamenti effettuati dagli agenti della Squadra Mobile è emerso che i due protagonisti della vicenda – rileva la Questura - non sono nuovi a episodi di questo genere. Tra gli svariati precedenti del ventenne italiano spiccano in particolare reati in materia di stupefacenti, una rapina commessa non molto tempo fa e comportamenti qualificati in termini di bullismo. Il ragazzo senegalese, M. T., oltre a precedenti per lesioni, reati contro il patrimonio ed evasione risulta ben noto alle Forze dell’Ordine in quanto nel luglio del 2012, durante la proiezione su maxi schermo della finale di calcio degli Europei, sempre in piazza Martiri, si arrampicava sul monumento sito al centro della piazza determinando la caduta di una lastra di marmo, con ferimento di una ragazza”. Dunque, considerate le condotte e l’indole dei due avventori, il Questore di Novara ha emesso il provvedimento di avviso orale a carico degli stessi, che vengono formalmente invitati a comportarsi in maniera conforme alla legge.

Tale provvedimento si iscrive all’interno di un’azione a più ampio raggio di prevenzione e contrasto da parte della Questura degli episodi di violenza e di degrado che continuano a verificarsi in città, soprattutto nelle ore serali e nelle zone centrali della “movida”. Queste ragioni hanno indotto il Questore di Novara, dopo i fatti di lunedì notte, a sospendere la licenza al locale “Plaza” che rimarrà chiuso per 15 giorni. Con questo provvedimento l’Autorità di Pubblica Sicurezza ha voluto dare un segnale forte all’opinione pubblica e ai gestori degli esercizi pubblici, ai quali la legge impone il controllo delle condotte tenute dalla propria clientela sia all’interno, sia fuori dai locali soprattutto ai fini di collaborare con le Forze dell’Ordine nella prevenzione e repressione di disordini e comportamenti improntati all’illegalità.

Mo.c.

 

 

Gallery articolo
*clicca sulle immagini per ingrandire

plaza 4.jpg

Articolo di: giovedì, 13 luglio 2017, 8:05 p.

Dal Territorio

Terza rapina in villa in tre giorni: l'ultimo episodio a Granozzo

Terza rapina in villa in tre giorni: l'ultimo episodio a Granozzo
GRANOZZO, Ancora una rapina in un'abitazione, in particolare in una villa, nel Novarese. E adesso è davvero allarme. Negli ultimi anni si fatica a ricordare una serie così lunga di episodi di rapine perpetrate ai danni di abitazioni private in provincia di Novara. E, soprattutto, così ravvicinate, a distanza solo di 24 ore, o anche meno, una dall'altra. Dopo gli(...)

continua »

Altre notizie

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

"Oneshot": moto d’epoca restaurate

"Oneshot": moto d’epoca restaurate
NOVARA -  Si svolge a Casa Bossi, via Pier Lombardo 4, oggi sabato 24 e domenica 25 febbraio, dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19, la mostra "Oneshot". E' un'esposizione di moto d'epoca restaurate: Bmw R69s del 1965; Bmw r75/5 del 1973; Hercules 100gs America del 1968; Hercules gs 125 del 1972; BSA b25ss del 1972; Laverda 750SF del 1970; Yamaha xs 2 del 1973;Bultaco alpina 250 del(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top