Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 22 febbraio 2018
 
 
Articolo di: venerdì, 14 luglio 2017, 12:44 p.

Bancarella, da Novara a Pontremoli

Domenica la finale del Premio

Conto alla rovescia per il Premio Bancarella. Lo scorso marzo a Novara sono stati svelati i nomi dei sei autori che domenica 16 luglio si contenderanno a Pontremoli, in piazza della Repubblica, la vittoria finale. È stato un orgoglio ospitare la prima nazionale all’ombra della Cupola, nell’Auditorium “Fratelli Olivieri” del Conservatorio Cantelli dove i finalisti dell'edizione 2017, i vincitori del Premio Selezione Bancarella, sono stati presentati da testimonial novaresi. Eccoli i magnifici sei: un novarese, il libraio e scrittore Alessandro Barbaglia con il suo romanzo d’esordio, “La Locanda dell’Ultima Solitudine” edito da Mondadori; poi la cagliaritana Cristina Caboni, autrice de “Il giardino dei fiori segreti” (Garzanti); il padovano Matteo Strukul in gara con “I Medici” (Newton Compton); la veronese Valeria Benatti che ha scritto “Gocce di veleno” (Giunti); il napoletano Lorenzo Marone con “Magari domani resto” (Feltrinelli) e il sud coreano Jung Myung Lee (unico che non aveva potuto partecipare alla prima novarese) autore de “La guardia, il poeta e l’investigatore” (Sellerio). Con un evento di portata nazionale si rafforza così il legame tra Novara e il premio che ebbe nel libraio Ottavio Lazzarelli uno dei fondatori. Legame che negli anni passati si è tradotto in tante serate sotto le stelle con la presentazione degli scrittori in gara. «Un grande orgoglio per noi – aveva detto il sindaco Alessandro Canelli alla conferenza stampa a Palazzo Cabrino – perché inizia da Novara un percorso di avvicinamento alla finale del 16 luglio. La nostra città ospita il primo evento, seguito da altre tappe in Italia. Sarà l’occasione per conoscere i sei finalisti tra cui c’è il vincitore. Perché Novara? Perché la nostra città è un terreno fertile sotto il profilo delle politiche di promozione della lettura, grazie alla forte collaborazione tra vari soggetti e le iniziative delle librerie. Si sta costruendo una bella rete con rapporti solidi e consolidati. Sono le basi per un futuro sempre più proficuo». Il premio è organizzato dall’Unione Librai Pontremolesi e dall’Unione Librai delle Bancarelle insieme alla Fondazione “Città del Libro” nel cui cda c’è Roberto Lazzarelli, erede della storica famiglia di librai novaresi. 
Eleonora Groppetti

Articolo di: venerdì, 14 luglio 2017, 12:44 p.

Dal Territorio

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Rubate le offerte per la Caritas

Rubate le offerte per la Caritas
ROMENTINO - È successo ancora. Un anno fa ignoti avevano scassinato la cassetta per le offerte collocata accanto al presepe in chiesa parrocchiale. Questa volta è accaduto in occasione della mostra proposta dal Gruppo Filatelico Romentinese nel 160° anniversario dell’apparizione di Nostra Signora di Lourdes: fino al 28 febbraio la cappella del Santissimo Sacramento(...)

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top