Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 24 settembre 2017
 
 
Articolo di: martedì, 12 settembre 2017, 6:45 p.

Alla Madonna del Bosco inaugurati il centro sportivo e la Via Crucis (FOTOGALLERY)

Ai lavori hanno collaborato anche quattro profughi nigeriani

NOVARA - Sono state ufficialmente inaugurate domenica pomeriggio le opere che completano il complesso del santuario della Madonna del Bosco di Novara.
Il centro sportivo ricreativo, con relativo piazzale, è stato dedicato alla figura del sacerdote milanese ed educatore monsignor Luigi Giussani, e il percorso della Via Crucis tra gli alberi lungo le sponde dell’Agogna, in parte su un’area recuperata ambientalmente, prende il nome di don Giacomo De Giuli, primo parroco della Madonna Pellegrina, la parrocchia a cui il santuario appartiene.
Le due opere sono state benedette dal cardinale Renato Corti, alla presenza del sindaco Alessandro Canelli e del presidente di Assa, Giuseppe Antonio Policaro.
Il pomeriggio si è aperto con la Messa, svoltasi nella nuova struttura gremita di fedeli, presieduta dal cardinale Corti. A concelebrare numerosi sacerdoti tra cui il parroco don Franco Belloni, il vicario episcopale per il clero, don Gianluigi Cerutti e il moderatore dell’Unità pastorale missionaria Novara Ovest, padre Marco Canali.
«Incontrando don Franco gli ho detto che è molto bello che vi dedichiate a tante iniziative belle» ha affermato il cardinale Corti all’omelia, in riferimento alle opere del santuario di cui aveva già inaugurato, da vescovo di Novara, la ristrutturazione della chiesa nel 2002 e la piazza San Giovanni Paolo II nel 2009. Quindi ha aggiunto: «Ma al centro di tutta la vita personale del cristiano e comunitaria stia il Signore Dio. C’è il rischio di fare tante cose e poi Dio sia messo dietro le quinte. Vorrei suggerire che ogni giornata sia affrontata in compagnia di Dio, tenendolo come punto di riferimento». Infine, a commento della pagina evangelica, Corti ha invitato «a considerare che le nostre relazioni interpersonali non manchino, con i modi giusti e con il desiderio della crescita e della maturazione dell’altro, anche di parole di correzione verso i fratelli, per essere gli uni aiuto per gli altri. So che è difficile ed oggi controcorrente. Ma è un compito di responsabilità che tocca in particolare gli educatori. Però – ha concluso – anche noi dobbiamo essere disponibili ad accogliere i richiami destinati a rendere più giusta la nostra condotta».
Al termine della celebrazione eucaristica la dedicazione e la benedizione delle due opere. In particolare è stata rievocata la figura di don De Giuli, conosciutissimo per la affabilità e disponibilità verso la gente nei cinquat’anni trascorsi da parroco della Pellegrina. 
«Anche io mi unisco a questo giusto ricordo – è intervenuto il sindaco Canelli – essendo stato un parrocchiano e avendo conosciuto bene don Giacomo. Era davvero una persona con grande attenzione verso tutti, di tutti ricordava nomi e abitazione. Sono lieto e condivido che lo si ricordi con questa struttura. E mi complimento con don Franco che ha fortemente voluto tutta questa trasformazione dell’area ed esprimo la mia gioia perché è riuscito ad arrivare all’obiettivo di opere che la riqualificano».
È intervenuto anche il presidente dell’Assa, in quanto l’azienda cittadina per l’igiene ambientale e la raccolta rifiuti, ha collaborato al risanamento di parte dell’area della nuova Via Crucis, fino a pochi anni fa discarica abusiva ed oggi area verde e piantumata. «Con orgoglio mi unisco ai complimenti per questa realizzazione a cui abbiamo contribuito – ha detto Policaro – che da oggi dà più vivibilità a questa parte di città».
Al termine, passata l’ultima pioggia, il cardinale Corti, accompagnato dalla gente, dai sacerdoti e dalle autorità, ha visitato le due zone della Via Crucis, interessandosi delle formelle artistiche che segnano le 15 stazioni e dei lavori eseguiti. Ha così anche potuto incontrare i quattro ragazzi nigeriani, profughi accolti in una struttura in città, i quali hanno iniziato un percorso di catecumenato in parrocchia che li porterà al battesimo nella veglia di Pasqua 2018, e che hanno dato una mano nell’esecuzione dei lavori.
v.s.

Gallery articolo
*clicca sulle immagini per ingrandire

IMG_1214.JPG

IMG_1223.JPG

IMG_1309.JPG

IMG_1320.JPG

IMG_1342.JPG

IMG_1378.JPG

IMG_1380.JPG

IMG_1402.JPG

IMG_1427.JPG

Articolo di: martedì, 12 settembre 2017, 6:45 p.

Dal Territorio

Il Novara cede all’Avellino

Il Novara cede all’Avellino
NOVARA -  AVELLINO  1- 2   NOVARA:  Montipò, Golubovic, Troest, Chiosa, Calderoni, Moscati, Ronaldo (15’ st Da Cruz), Sciaudone, Di Mariano (1’ st Macheda), Maniero, Chajia (36’ st Sansone).  All.:  Corini.   AVELLINO:  Radu, Ngawa, Kresic, Migliorini, Rizzato, Laverone (33’ st Lasik), Paghera(...)

continua »

Altre notizie

Incidente in autostrada: ferito trasportato grave al Cto di Torino

Incidente in autostrada: ferito trasportato grave al Cto di Torino
NOVARA, Incidente stradale lungo l’autostrada A4 Torino-Milano, poco prima delle 13 di oggi, sabato 23 settembre, in direzione del capoluogo lombardo, ancora in territorio novarese.Il sinistro ha coinvolto un’autovettura e un mezzo pesante. Giunto sul posto, il personale dei Vigili del fuoco si è occupato di estrarre un ferito rimasto incastrato nell’auto e ha(...)

continua »

Altre notizie

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”
NOVARA - Si svolgerà domenica 24 settembre la prima edizione della  “Pedalata Cicli storici”  organizzata dalla Pro loco Novara con il patrocinio del Comune e dell’Agenzia turistica locale della Provincia di Novara. La pedalata prevede il ritrovo in piazza Gramsci alle 8, quindi la partenza alle 9.30 per Olengo, Terdobbiate, Cascina Barzè,(...)

continua »

Altre notizie

Riso, «indispensabile essere uniti»

Riso, «indispensabile essere uniti»
SAN PIETRO MOSEZZO - «Siamo in un mercato ormai globale. L’Italia non è l’unico Paese che produce riso, e nemmeno l’unico che produce buon riso. Per questo dobbiamo imparare a “venderci” meglio e a mantenere una filiera che negli anni ha sempre saputo distinguersi per unità: solo così usciremo dal guado legato alla nuova politica agricola(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top