Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 23 febbraio 2018
 
 
Articolo di: lunedì, 15 gennaio 2018, 8:57 p.

Al Coccia un viaggio tra musica e parole

E mercoledì il debutto del monologo di Francesco Piccolo

NOVARA - Un viaggio tra musica e parole per il secondo appuntamento del cartellone Classica. Domani, martedì 16 gennaio, alle 21 per la rassegna inserita nella stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara (biglietti interi da 15 a 30 euro, ridotti da da 12 a 24). Le orchestre sinfoniche incontrano grandi ospiti del teatro e della musica. Dopo il racconto su George Gershwin portato in scena da Ivano Fossati e dall’Orchestra Sinfonica Mantovana è il momento di “Contatti: Europa Italia America. Da Goethe a Mendelssohn, da Dvoràk a Vittorini e Pavese”: la Sinfonica Mantovana eseguirà musiche di Mendelssohn e Dvoràk mentre l’attrice Lucilla Giagnoni (nella foto) proporrà brani tratti da testi di Goethe, Vittorini e Pavese. A dirigere il concerto due mani: la Sinfonia n.4 “Italiana” di Mendelssohn sarà affidata a Manuela Ranno, mentre la Sinfonia n.9 “Dal Nuovo Mondo” di Dvoràk sarà diretta da Matteo Beltrami. 

Gli eventi al Coccia di questo inizio di settimana continuano mercoledì 17 gennaio (inizio sempre alle 21) con il debutto del monologo di Francesco Piccolo “Momenti di trascurabile (in)felicità”: in alle 21 per gli eventi Fuori Stagione. Lo spettacolo poi toccherà Bologna, Roma, Genova e Milano: giovedì 18 gennaio in cartellone al Teatro “Il Maggiore” di Verbania. Scrittore, sceneggiatore e autore televisivo tra i più poliedrici del panorama italiano Piccolo presenta un monologo tratto dai due libri gemelli, “Momenti di trascurabile felicità” (2010) e “Momenti di trascurabile infelicità” (2015), scritti rispettivamente nel 2010 e nel 2015 per Einaudi e costantemente ristampati. Sono i libri a parlare, affidati alla voce di chi li ha scritti, un viaggio attraverso l’esistenza quotidiana tra momenti felici e momenti infelici, per regalare un’ora divertente e a volte esilarante. Dal libro al palco. Per raccontare cosa? «Ho sempre preferito leggere il libro piuttosto che presentarlo – spiega Piccolo al telefono -, anche perché le letture hanno sempre avuto una risposta divertita. Poi ho pensato che avrei anche potuto raccontare alcuni frammenti dei libri. Così ho costruito un piccolo monologo fatto di letture e racconti, un monologo che mette in scena i due libri e che si rivolge a tutti, non c’è un pubblico specifico. Così come per i libri».
Eleonora Groppetti

Articolo di: lunedì, 15 gennaio 2018, 8:57 p.

Dal Territorio

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Rubate le offerte per la Caritas

Rubate le offerte per la Caritas
ROMENTINO - È successo ancora. Un anno fa ignoti avevano scassinato la cassetta per le offerte collocata accanto al presepe in chiesa parrocchiale. Questa volta è accaduto in occasione della mostra proposta dal Gruppo Filatelico Romentinese nel 160° anniversario dell’apparizione di Nostra Signora di Lourdes: fino al 28 febbraio la cappella del Santissimo Sacramento(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top