Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 23 novembre 2017
 
 
Articolo di: martedì, 17 ottobre 2017, 6:15 p.

“Non giocarti la vita”, il contrasto alla ludopatia passa per il teatro

All'interno del progetto lo spettacolo "Chiamano Bingo!"

NOVARA - Si chiama “Non giocarti la vita” il progetto per la prevenzione e il contrasto del gioco d’azzardo promosso dall’assessorato alle Politiche giovanili in collaborazione con l’assessorato al Commercio.
All’interno del progetto rientra lo spettacolo teatrale “Chiamano bingo!” dell’associazione culturale-teatrale “Sudatestorie” in programma il 19 ottobre nell’aula magna dell’Università del Piemonte orientale, che patrocina l’evento insieme con l’Ufficio scolastico regionale del Miur.
"Da parte dell’Amministrazione – spiega l’assessore alle Politiche giovanili e Commercio Franco Caressa – c’è particolare attenzione rispetto al tema delle ludopatie, fenomeno preoccupantemente diffuso anche tra i giovani. Proprio su questo specifico argomento è stato avviato un tavolo di confronto e di ricerca di modalità operative condivise, per realizzare gli  obiettivi comuni con l' associazione di categoria Federconsumatori, l’ambulatorio dell’Asl No Dpd Gap, l'associazione Libera e l’Ufficio scolastico regionale del Miur, all’interno del quale si è deciso di informare nel modo più corretto possibile i giovani e le fasce sociali più deboli sui rischi della ludopatia per aumentare la consapevolezza sui fenomeni di dipendenza, prevenzione e contrasto al gioco d'azzardo. Sono già stati contattati i referenti delle Scuole superiori di secondo grado per invitarli a far assistere agli alunni alla rappresentazione “Chiamano Bingo!”, che sarà proposta, appunto, alle 10.30 per gli studenti e nel pomeriggio, alle 15.15, per il pubblico adulto".

Lo spettacolo, che sarà preceduto da alcuni interventi di autorità e responsabili degli enti coinvolti nel progetto, è scritto da Christian Castellano (anche regista e interprete) ed Enrico Seimandi, con, oltre a Castellano, Salvo Montalto e Giorgio Quarello. E' stato realizzato con la consulenza scientifica: del dottor Paolo Jarre e Marzia Spagnolo dell ASL To3 Dipartimento“Patologia delle dipendenze” e con le testimonianze dirette di un gruppo di giocatori. 

Articolo di: martedì, 17 ottobre 2017, 6:15 p.

Dal Territorio

Sgarbi al teatro Coccia con il suo "Michelangelo"

Sgarbi al teatro Coccia con il suo "Michelangelo"
NOVARA - Vittorio Sgarbi torna a Novara venerdì 24 novembre per lo spettacolo al Teatro Coccia "Michelangelo" (inizio alle 21, evento fuori stagione). Il critico d'arte, la cui collezione è in mostra al castello di Novara fino al 14 gennaio, racconterà la vita del Buonarroti accompagnato dalla musica di Valentino Corvino (compositore, in scena interprete) e assieme alle(...)

continua »

Altre notizie

Il Novara cede al Bari

Il Novara cede al Bari
NOVARA - BARI 1-2   NOVARA:  Montipò, Golubovic, Mantovani, Del Fabro, Dickmann,Moscati, Orlandi, Sciaudone (11’ st Chajia), Calderoni, Macheda (20’ st Maniero), Da Cruz (26’ st Di Mariano).  All.:  Corini.   BARI:  Micai, Anderson, Gyömbér, Tonucci, Fiamozzi, Petriccione, Basha (25’ st(...)

continua »

Altre notizie

Crac Phonemedia, gli ex dipendenti in aula

Crac Phonemedia, gli ex dipendenti in aula
NOVARA, Nuova udienza, martedì mattina in Tribunale a Novara, per il crac “Phonemedia”, vicenda che ha interessato molto da vicino anche il capoluogo gaudenziano. In aula, a questa nuova udienza del processo, che riguarda una delle vicende più discusse degli ultimi anni in città, anche cinque ex lavoratori, una parte dei venti che si sono costituiti parte(...)

continua »

Altre notizie

Chiude la discarica di Barengo, urge trovare un altro impianto

Chiude la discarica di Barengo, urge trovare un altro impianto
La discarica di Barengo chiuderà nel 2018, è l’unico impianto sul territorio del Novarese per lo smaltimento dei rifiuti indifferenziati e urge trovare un altro impianto dove conferire circa 58.000 tonnellate all’anno. Tre le soluzioni possibili. Il bando di gara si chiude con un vincitore oppure il progetto di un sopralzo. In alternativa prende piede(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top