Taste Alto Piemonte, è stata inaugurata questa mattina, sabato 24 marzo, la seconda edizione. la manifestazione vede quest’anno oltre 150 vini in degustazione presentati da 50 produttori vinicoli delle province di Novara, Vercelli, Biella e Verbano Cusio Ossola.

Taste Alto Piemonte, la seconda edizione parte con il piede giusto

taste alto piemonte 2018 inaugurazione
Il momento del taglio del nastro

Parte con il piede giusto la seconda edizione di Taste Alto Piemonte, evento  “vetrina” sulle eccellenze vinicole delle province di Novara, Vercelli, Biella e Verbano Cusio Ossola, organizzato dal Consorzio Tutela Nebbioli Alto Piemonte. La manifestazione  è stata inaugurata questa mattina al castello di Novara. A tagliare il nastro sono stati il sindaco di Novara Alessandro Canelli e la presidente del Consorzio Tutela Nebbioli Alto Piemonte Lorella Zoppis.

Numeri in crescita

taste alto piemonte 2018
Taste Alto Piemonte è ospitato nel castello visconteo sforzesco di Novara

Numeri in netta crescita rapportati alla prima edizione svoltasi nel 2017, quest’anno infatti sono oltre 150 vini in degustazione presentati dai 50 produttori vinicoli aderenti alla manifestazione. Più produttori e più vini rispetto allo scorso anno. Segno anche di una sempre maggiore qualità. Non è casuale che nell’ultimo quinquennio vi sia stato un incremento delle esportazioni del 30% per i vini del consorzio.

Leggi anche:  Industria novarese, ancora ottimismo

Tre giorni per conoscere le 10 denominazioni dell’Alto Piemonte

I giorni dedicati al pubblico di Taste Alto Piemonte sono sabato pomeriggio e domenica, mentre sabato mattina e lunedì sono riservati a stampa e operatori del settore enogastronomico. Per tre giorni esperti e non esperti, possono approfondire la  conoscenza delle 10 denominazioni dell’Alto Piemonte: Boca Doc, Bramaterra Doc, Colline novaresi Doc, Coste della Sesia Doc, Fara Doc, Gattinara Docg, Ghemme Docg, Lessona Doc, Sizzano Doc, Valli Ossolane Doc.

taste alto piemonte 2018
Un momento delle degustazioni

Eccellenze gastronomiche

Nelle sale del castello visconteo sforzesco, anche quest’anno sono stati allestiti gli stand ma con spazi più ampi rispetto la prima edizione, come è stato riscontrato sia dai produttori che da molti visitatori. Ad accompagnare le degustazioni ai banchi d’assaggio le eccellenze gastronomiche del territorio e i seminari tematici curati da Ais Piemonte, a cui è possibile iscriversi sul sito eventbrite.it o con registrazione in loco.

m.d.