NOVARA – Il percorso per la creazione della nuova Camera di Commercio di Biella e Vercelli, Novara, Verbano-Cusio-Ossola è iniziato. Sono state infatti avviate le procedure di legge per costituire il Consiglio dell’Ente camerale che accorpa le Camere dei quattro territori.

È stato pubblicato sui rispettivi siti delle Camere di commercio  il bando rivolto alle associazioni di categoria, ai sindacati e alle organizzazioni dei consumatori delle quattro province che intendono proporre la propria candidatura a far parte del Consiglio, presentando la documentazione necessaria a dimostrare il proprio grado di rappresentatività sul territorio.

La legge prevede che per le associazioni imprenditoriali i seggi vadano attribuiti in base al numero di associati rispetto al numero totale di imprese della categoria, degli addetti, nonché al diritto annuale versato nell’anno di riferimento, mentre per le organizzazioni sindacali e dei consumatori è il numero degli iscritti che determina il peso del singolo organismo e la conseguente attribuzione del relativo seggio. Le candidature dovranno essere inviate alla Camera di commercio di Biella e Vercelli entro le ore 16 del prossimo 10 aprile.

Il Consiglio della nuova Camera di commercio di Biella e Vercelli, Novara e Verbano-Cusio-Ossola sarà composto in tutto da trentatré  componenti, tre dei quali sono in rappresentanza, rispettivamente, delle organizzazioni sindacali dei lavoratori, delle associazioni di tutela dei consumatori e degli utenti, dei liberi professionisti. Poi 2 posti per agricoltura, 5 artigianato, 7 industria, 6 commercio, 1 cooperative, 2 turismo, 1 trasporti e spedizioni, 1 credito e assicurazioni, 5 servizi alle imprese. Con l’insediamento del nuovo Consiglio decadranno automaticamente i tre attuali Consigli camerali di Biella e Vercelli, di Novara e del Verbano-Cusio-Ossola, così come le rispettive Giunte e i rispettivi Presidenti. Il nuovo Consiglio procederà quindi ad eleggere, nel proprio seno, una nuova Giunta e un nuovo Presidente.

NOVARA – Il percorso per la creazione della nuova Camera di Commercio di Biella e Vercelli, Novara, Verbano-Cusio-Ossola è iniziato. Sono state infatti avviate le procedure di legge per costituire il Consiglio dell’Ente camerale che accorpa le Camere dei quattro territori.

Leggi anche:  Tecnologie 4.0, incontri formativi gratuiti alla Camera di Commercio

È stato pubblicato sui rispettivi siti delle Camere di commercio  il bando rivolto alle associazioni di categoria, ai sindacati e alle organizzazioni dei consumatori delle quattro province che intendono proporre la propria candidatura a far parte del Consiglio, presentando la documentazione necessaria a dimostrare il proprio grado di rappresentatività sul territorio.

La legge prevede che per le associazioni imprenditoriali i seggi vadano attribuiti in base al numero di associati rispetto al numero totale di imprese della categoria, degli addetti, nonché al diritto annuale versato nell’anno di riferimento, mentre per le organizzazioni sindacali e dei consumatori è il numero degli iscritti che determina il peso del singolo organismo e la conseguente attribuzione del relativo seggio. Le candidature dovranno essere inviate alla Camera di commercio di Biella e Vercelli entro le ore 16 del prossimo 10 aprile.

Il Consiglio della nuova Camera di commercio di Biella e Vercelli, Novara e Verbano-Cusio-Ossola sarà composto in tutto da trentatré  componenti, tre dei quali sono in rappresentanza, rispettivamente, delle organizzazioni sindacali dei lavoratori, delle associazioni di tutela dei consumatori e degli utenti, dei liberi professionisti. Poi 2 posti per agricoltura, 5 artigianato, 7 industria, 6 commercio, 1 cooperative, 2 turismo, 1 trasporti e spedizioni, 1 credito e assicurazioni, 5 servizi alle imprese. Con l’insediamento del nuovo Consiglio decadranno automaticamente i tre attuali Consigli camerali di Biella e Vercelli, di Novara e del Verbano-Cusio-Ossola, così come le rispettive Giunte e i rispettivi Presidenti. Il nuovo Consiglio procederà quindi ad eleggere, nel proprio seno, una nuova Giunta e un nuovo Presidente.