Giornate di Primavera Fai 2018, questa mattina in Municipio è stato presentato il programma della Delegazione di Novara dal 23 al 25 marzo.

Giornate di Primavera Fai 2018, il filo rosso è la natura

La Natura è il filo rosso che ha ispirato, alla delegazione novarese del Fai, l’organizzazione delle Giornate di Primavera del 24 e 25 marzo 2018. L’obiettivo non è solo di promuovere la tutela del verde cittadino, ma anche di far conoscere, ai Novaresi e ai visitatori delle altre località che confluiranno in città, la storia che alberi secolari, talvolta anche rari, fiori meravigliosamente assortiti, cespugli e arbusti armoniosamente accostati possono raccontare di un passato, nel quale affondano le radici e l’identità della città.

I siti aperti al pubblico

I siti che verranno aperti  Novara sono il Parco dell’Allea di San Luca, con i suoi 50.000 mq sulla quale dimorano circa ottocento piante di alto fusto; il Palazzo della Prefettura con il suo delizioso giardino, ottimo esempio di integrazione tra natura ed edificio abitativo; il Chiostro della canonica; la Galleria Giannoni (nella foto), che ospita un’importante collezione di dipinti che evidenziano la bellezza della Natura del nostro territorio; l’Archivio Storico delle Terre irrigue dell’Est Sesia dove sarà possibile visionare documenti e immagini delle acque di Novara, oggi in gran parte ricoperte e tombate.

“Le Giornate di Primavera sono sempre un’occasione di scoperta”

“Le Giornate di Primavera del Fai sono sempre un’occasione di scoperta. L’edizione di quest’anno è dedicata a una parte del patrimonio che viene, a volte, considerata secondaria rispetto a quella architettonico-monumentale: il verde, invece, spesso è l’assoluto protagonista, la parte naturalmente dialogante con chi lo ammira e il quid capace di esaltare ulteriormente il pregio di un edificio, aggiungendo bellezza a bellezza”. Rispetto al tema delle Giornate di Primavera dal Fai, gli assessori all’Urbanistica Federica Borreani e ai Lavori pubblici Simona Bezzi  rimarcano “l’importante valorizzazione culturale non solo di luoghi ritenuti particolarmente significativi e meritevoli di attenzione da parte del pubblico, ma anche di realtà culturali cittadine, costituite dalla Galleria d’Arte moderna “Paolo e Adele Giannoni” e dall’archivio storico Terre irrigue dell’Est Sesia, che possono diventare un veicolo di ulteriore scoperta della natura del nostro territorio, della sua storia e di quel dialogo tra terra e acqua che da sempre lo caratterizza”.

Leggi anche:  Resistenza a pubblico ufficiale, donna condannata a cinque mesi di carcere

Per informazioni la sede della Delegazione novarese del Fai – Fondo Ambiente Italiano si trova in corso Cavour, 13b, tel. 338 3602064, e-mail delegazionefai.novara@fondoambiente.it, www.fondoambiente.it.

v.s.