Spaccio di stupefacenti tra studenti, dieci arresti dei carabinieri. Il fornitore della droga era un 45enne già arrestato a ottobre e attualmente sottoposto all’obbligo di firma.

Spaccio di stupefacenti tra studenti, dieci arresti dei carabinieri

Era stato arrestato a ottobre con 4 kg di sostanze stupefacenti e attualmente era sottoposto all’obbligo di firma ma i Carabinieri del Reparto Operativo – Nucleo Investigativo di Novara lo hanno nuovamente arrestato come il principale fornitore di una rete di spaccio nel Novarese. I militari hanno, infatti, eseguito nella notte tra lunedì 7 e martedì 8 maggio, dieci provvedimenti di custodia cautelare (3 in carcere e 7 agli arresti domiciliari) a carico di alcuni giovani, tra i 19 e i 21 anni, che avevano creato una rete di spaccio a Novara e Trecate. Le persone coinvolte sono 6 di Trecate, 2 di Novara, 1 di Galliate e 1 di Pogno. L’attività investigativa, di quella che è stata denominata Operazione “School”, aveva preso avvio nel 2017, nell’ambito del monitoraggio degli istituti scolastici superiori di Novara finalizzato a prevenire episodi di spaccio di droga, soprattutto a danno di minorenni. Le indagini individuavano un 19enne, che spacciava marijuana e cocaina, utilizzando il parco Cicogna di Trecate quale base per il suo “commercio” illegale, non disdegnando sovente di cedere stupefacenti anche a compagni dell’istituto scolastico superiore di Novara da lui frequentato.

L’operazione “School” ha portato all’arresto di giovani tra i 19 e 21 anni

L’indagine veniva ampliata, come sottolineato dal Comandante provinciale dell’Arma Colonnello Domenico Mascoli «con la piena e fattiva collaborazione da parte della dirigenza della scuola coinvolta» e portava all’individuazione di un gruppo di giovanissimi impegnati in una fiorente attività di spaccio di marijuana, hashish e cocaina.
Il canale di rifornimento è stato individuato in Ruggero Ettolli, 45 anni, con precedenti penali per reati specifici, arrestato in flagranza di reato in Novara nell’ottobre del 2017, nel corso di una perquisizione che aveva portato al sequestro di oltre quattro chilogrammi di hashish e marijuana.

Leggi anche:  Donna trovata morta in casa

Per ora individuati un’ottantina di consumatori, molti minorenni

Il procuratore capo della Procura di Novara, Marilinda Mineccia ha sottolineato come «La comparsa della cocaina nelle scuole di Novara è l’aspetto più nuovo e preoccupante, ma le Forze dell’Ordine con la collaborazione delle autorità scolastiche stanno fronteggiando il fenomeno». In passato non sono mancati controlli anche con l’ausilio delle unità cinofile. Al termine dell’attività il G.I.P. del Tribunale di Novara Raffaella Zappatini su richiesta del p.m. Mario Andrigo, ha emesso dieci ordinanze di custodia cautelare con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Oltre ottanta acquirenti, alcuni minorenni, sono stati segnalati alla prefettura.

m.d.