NOVARA, Lo scorso 15 gennaio personale della Squadra Mobile di Novara, in particolare la Sezione reati contro il patrimonio, a seguito di un’articolata attività volta al rintraccio di un soggetto, ha tratto in arresto M. J.,  tunisino di 33 anni, in Italia senza fissa dimora e con vari precedenti per stupefacenti e reati contro il patrimonio e la persona. Si tratta dell’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP di Novara a seguito dell’attività di indagine svolta dalla Polizia. Un’indagine avviata dopo la denuncia da parte di un altro cittadino extracomunitario, per patita rapina aggravata dall’uso di un’arma, consumata presso i portici antistanti la stazione ferroviaria di Novara a ottobre.

L’esecuzione del provvedimento si inserisce nel quadro di una serie di servizi di prevenzione e controllo del territorio effettuati dalla Questura in zona stazione ferroviaria da molti mesi a questa parte, al fine di contrastare il degrado e la criminalità diffusa.
Nei confronti dell’arrestato, che si trova nella Casa Circondariale di via Sforzesca, è stato emesso provvedimento di diffida da parte del Questore e sarà avviato l’iter per procedere all’espulsione dal territorio nazionale per motivi di ordine pubblico.
MO. C. 

Leggi anche:  Sul bus senza biglietto, aggredito autista

NOVARA, Lo scorso 15 gennaio personale della Squadra Mobile di Novara, in particolare la Sezione reati contro il patrimonio, a seguito di un’articolata attività volta al rintraccio di un soggetto, ha tratto in arresto M. J.,  tunisino di 33 anni, in Italia senza fissa dimora e con vari precedenti per stupefacenti e reati contro il patrimonio e la persona. Si tratta dell’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP di Novara a seguito dell’attività di indagine svolta dalla Polizia. Un’indagine avviata dopo la denuncia da parte di un altro cittadino extracomunitario, per patita rapina aggravata dall’uso di un’arma, consumata presso i portici antistanti la stazione ferroviaria di Novara a ottobre.

L’esecuzione del provvedimento si inserisce nel quadro di una serie di servizi di prevenzione e controllo del territorio effettuati dalla Questura in zona stazione ferroviaria da molti mesi a questa parte, al fine di contrastare il degrado e la criminalità diffusa.
Nei confronti dell’arrestato, che si trova nella Casa Circondariale di via Sforzesca, è stato emesso provvedimento di diffida da parte del Questore e sarà avviato l’iter per procedere all’espulsione dal territorio nazionale per motivi di ordine pubblico.
MO. C.