NOVARA, Omicidio di Marita Tomasoni. Ergastolo per il fratello Massimiliano. La sentenza è stata pronunciata intorno alle 13,10 di oggi, martedì 27 febbraio, in Tribunale a Novara, al processo con rito abbreviato a carico dell’uomo, difeso dall’avvocato Marino Viola.

Il pm Nicola Serianni stesso aveva chiesto l’ergastolo. Stabilita una provvisionale di 200mila euro per il marito della donna, assistito dall’avvocato Integlia, di 165 mila euro per la madre e di 25 mila euro per l’altro fratello, assistiti dall’avvocato Lovati. Il difensore dell’uomo preannuncia che ricorrerà in Appello.

Il delitto era avvenuto il 9 novembre 2016 nella villetta della Bicocca, proprio dietro al carcere, la donna era poi morta il giorno dopo.

Monica Curino

NOVARA, Omicidio di Marita Tomasoni. Ergastolo per il fratello Massimiliano. La sentenza è stata pronunciata intorno alle 13,10 di oggi, martedì 27 febbraio, in Tribunale a Novara, al processo con rito abbreviato a carico dell’uomo, difeso dall’avvocato Marino Viola.

Il pm Nicola Serianni stesso aveva chiesto l’ergastolo. Stabilita una provvisionale di 200mila euro per il marito della donna, assistito dall’avvocato Integlia, di 165 mila euro per la madre e di 25 mila euro per l’altro fratello, assistiti dall’avvocato Lovati. Il difensore dell’uomo preannuncia che ricorrerà in Appello.

Leggi anche:  Colpo notturno in agenzia bancaria a Cressa

Il delitto era avvenuto il 9 novembre 2016 nella villetta della Bicocca, proprio dietro al carcere, la donna era poi morta il giorno dopo.

Monica Curino