Simcup Italia, Novara per tre giorni, dal 12 al 14 aprile, diventerà capitale della simulazione medica. L’evento è tra quelli che celebrano i 20 anni dell’Università del Piemonte orientale.

Simcup Italia, Novara per tre giorni capitale della simulazione medica

Sarà inaugurata alle 18 del 12 aprile l’edizione 2018 di Simcup Italia. La competizione di simulazione medica multidisciplinare tra team di medici specializzandi organizzata da Simnova, il Centro di didattica e simulazione in medicina e professioni sanitarie dell’Università del Piemonte Orientale, è stata presentata oggi in Municipio. Si svolgerà su tre giorni fino al 14 aprile in diverse location. Si tratta di un evento di rilevanza nazionale nel campo della formazione medica con un elevato grado di innovazione.

24 team di medici specializzandi da 17 università italiane

Simcup Italia è un evento di formazione che trova, nella competizione, una importante componente motivazionale. Al momento si sono iscritti 96 medici, accompagnati da 18 coach, divisi in 24 team da 4 componenti ciascuno. Oltre che dall’Università del Piemonte Orientale, gli specializzandi provengono dagli atenei di Torino, Pavia, Milano ‘Statale’, Verona, Siena, Catania, Varese, Roma ‘Cattolica’, Brescia, Firenze, Padova, Ferrara, Milano ‘San Raffaele’, Messina, Foggia e Cagliari.

Simcup Italia è organizzata in collaborazione con la Camera di Commercio di Novara e con il supporto della Fondazione Banca Popolare di Novara per il Territorio e di Franca Capurro per Novara Onlus. L’evento gode del patrocinato istituzionale del Comune di Novara e di quello di SIAARTI Società Italiana di Anestesia Analgesia Rianimazione e Terapia Intensiva, SIMEU Società Italiana di Medicina di Emergenza-Urgenza, IRC Italian Resuscitation Council, Società Italiana di Pediatria, SIMMED Società Italiana di Simulazione in Medicina, ISSiH Italian Society for Simulation in Healthcare e AMIETIP Accademia Medica e Infermieristica di Emergenza e Terapia Intensiva Pediatrica.

Alla conferenza stampa di presentazione hanno partecipato i rappresentanti dei partner istituzionali di Simcup. Erano presenti l’assessore alle Politiche sociali e all’Ambiente della Città di Novara Emilio Iodice, il presidente della Camera di Commercio di Novara Maurizio Comoli e il presidente della Fondazione Banca Popolare di Novara per il Territorio Franco Zanetta. Per l’Upo sono intervenuti il direttore generale Andrea Turolla, il presidente della Scuola di Medicina Marco Krengli e il direttore del Dipartimento di Medicina traslazionale Gian Carlo Avanzi. Tutti i dettagli dell’evento sono stati descritti dal direttore del centro di simulazione Simnova Pierluigi Ingrassia.

Il programma della competizione

La Simcup comincerà la mattina del 12 aprile presso il Campus “Perrone”. Le squadre verranno registrate e istruite sul regolamento e dalle ore 10 cominceranno le qualificazioni vere e proprie. Le squadre verranno giudicate in base alle scelte e ai comportamenti tenuti durante le emergenze presentate grazie ai simulatori ad alta fedeltà messi a disposizione da Simnova e dai partner tecnici. Alle ore 18 del 12 aprile si terrà la cerimonia di apertura al Castello di Novara.

I medici dovranno dimostrare di conoscere i protocolli di emergenza internazionalmente riconosciuti in stazioni di simulazione e di sapere risolvere situazioni impreviste lavorando in team anche al di fuori del contesto clinico. Verrà anche proposto un percorso interattivo per le vie di Novara per stimolare il pensiero critico, una sorta di caccia al tesoro che permetterà di rafforzare gli aspetti del teamwork e le competenze non tecniche, quali leadership, comunicazione, consapevolezza situazionale e risoluzione dei problemi in modo originale ed efficace. Al circuito di stazioni di simulazione in cui si alternano manichini di base e avanzati, modelli riproducenti parti anatomiche (task trainers) e simulatori computerizzati di realtà virtuale, verranno affiancati seminari e workshop tenuti da docenti e istruttori con esperienza internazionale in area critica e simulazione.

Leggi anche:  Domus, la fiera della casa alla Sala Borsa di Novara

La finale alla Sala Borsa

La finale di Simcup Italia sarà organizzata presso la Sala Borsa della Camera di Commercio dalle 9 alle 13.30 di sabato 14 aprile. La location consentirà la fruizione nell’ottica dell’apprendimento per imitazione da parte dei sei team finalisti, ma anche la partecipazione di molti studenti della Scuola di Medicina e dei cittadini interessati che potranno assistere liberamente alle simulazioni.

«Non è casuale — ha spiegato il direttore generale dell’Upo Andrea Turolla — che l’ateneo abbia inserito Simcup Italia tra gli eventi celebrativi del Ventennale dalla Fondazione. Questo evento, rivolto innanzitutto a migliorare le capacità di risposta del personale medico, ha tutti gli ingredienti che hanno fatto crescere in questi anni il nostro Ateneo. La voglia di collaborare con le istituzioni, l’apertura verso la comunità scientifica nazionale e internazionale, l’avanguardia del progetto didattico e delle strumentazioni impiegate».

«La rilevanza nazionale di questo evento ne fa uno dei nostri punti di forza dal punto di vista formativo – ha dichiarato il professor Marco Krengli, presidente della Scuola di Medicina — come dimostrano, d’altronde, le diverse decine di corsi che ogni anno vengono proposti da Simnova tanto ai nostri studenti di Medicina e Chirurgia e delle Professioni sanitarie quanto ai professionisti delle ASL e degli enti che si occupano di sicurezza sanitaria. Anche il Master europeo in Medicina dei Disastri, cui Simnova partecipa attivamente da anni, ne costituisce un’ulteriore conferma di eccellenza».

«Finalmente anche in Italia — ha detto il direttore del Dipartimento di Medicina traslazionale Gian Carlo Avanzi — si prende sempre più coscienza dell’importanza della simulazione per migliorare la formazione in ambito medico. I paesi anglosassoni utilizzano formule simili da diversi decenni e il fatto che due centri di simulazione attivi in Simcup Italia provengano da Londra e da Birmingham è un segnale importante per fare di Simnova un centro di riferimento europeo,  in questo settore. I Dipartimenti di area medica dell’Università del Piemonte Orientale hanno recentemente ricevuto un cospicuo finanziamento ministeriale che servirà anche a supportare la crescita e lo sviluppo in termini di tecnologia e di personale di Simnova».

«In questi tre giorni— ha detto il direttore di Simnova Pier Luigi Ingrassia —grazie anche alla partecipazione attiva dei centri di simulazione di realtà accademiche e sanitarie di tutta Italia, Novara sarà al centro di un panorama altamente specializzato e condiviso che migliora la preparazione dei medici e crea una rete integrata di professionisti e di centri si simulazione».

Valentina Sarmenghi