Parco della Rocca di Arona, vandali e incivili in azione alla Torre Mozza recentemente riportata alla luce recuperando le mura originarie.

Parco della Rocca di Arona, vandali e incivili alla Torre Mozza

Una torre, una balconata a sbalzo sulla città dalla quale ammirare un panorama eccezionale e utilizzata, talvolta però, senza nessun rispetto per il bene altrui. Sempre più spesso la Torre Mozza al Parco della Rocca Borromea è frequentata da chi si dimostra incurante di un bene della città e, nel contempo, della propria incolumità.

Ragazzini seduti sul muro di cinta

In questi giorni il gestore del Parco della Rocca di Arona, Giuseppe Liberati, ha dovuto richiamare tre ragazzini perché erano saliti sul muro di cinta della torre, lungo due metri, e si erano seduti rivolti verso l’esterno. «E’ mancanza di educazione, di spirito civile e noncuranza del bene altrui», sottolinea. Liberati ha dovuto installare diversi cartelli con il divieto di salire sul muro nei punti strategici del Parco, oltre che sulla Torre Mozza stessa.

In frantumi il vetro di protezione

Sempre sulla Torre Mozza, una delle sette torri che costituivano il secondo recinto della roccaforte, l’altro giorno un’altra brutta scoperta. Ignoti hanno preso di mira uno dei due doppi vetri di protezione mandandolo in frantumi. «E’ disarmante. Si fa di tutto per dare alla gente posti bellissimi con fatica, soldi e passione e poi ecco il risultato», ha commentato amareggiato Giuseppe Liberati.

La recente ristrutturazione

La torre era stata recentemente riportata alla luce recuperando le mura originarie, ristrutturato l’ingresso e realizzata una terrazza panoramica. Questo grazie al contributo della Fondazione Cariplo, l’impegno della famiglia Borromeo e la cura nella gestione complessiva del Parco della famiglia Liberati. Era stata inaugurata ad ottobre con una pubblica cerimonia anche alla presenza del critico d’arte Vittorio Sgarbi.

Leggi anche:  Azalea della Ricerca, volontari Airc in piazza

Il Parco della Rocca aperto tutti i giorni

Nel frattempo da martedì 13 marzo, festa Patronale di Arona, il parco della Rocca è tornato ad essere aperto anche durante la settimana. Non più dunque solo il weekend. Con l’arrivo della primavera e l’avvicinarsi dell’estate anche tutti i giorni della settimana dalle 10 alle 19 mentre il venerdì e il sabato la chiusura si protrarrà sino alle 21 fino al 30 aprile. Mentre dal 1 maggio al 15 ottobre, apertura prolungata in settimana fino alle 20 e il venerdì e il sabato fino alle 22 (giorno di chiusura il lunedì, esclusi i lunedì festivi).

Le prossime iniziative

Una nuova stagione ricca di eventi e manifestazioni, immersi nel verde e nella tranquillità dello splendido parco. Già alcune iniziative saranno organizzate prossimamente. L’8 aprile un open day organizzato da “La Rocca nel cuore” durante il quale verrà illustrata l’attività dell’associazione e per i bambini distribuzione di palloncini e zucchero filato. Inoltre, il 29 maggio due eventi, uno mattutino e uno serale alla scoperta alla strada segreta, della grotta dell’ex polveriera che racconta la leggenda della principessa al di là del muro tra fantasia e realtà oltre alla Torre Mozza con suoi racconti.

Maria Nausica Bucci