Palazzo Natta, Fai e Provincia di Novara insieme per salvare la fontana e l’affresco del giardino, fortemente compromesso dall’umidità.

Palazzo Natta, Fai e Provincia insieme per salvare la fontana e l’affresco del giardino

Questa mattina una delegazione del Fai di Novara ha effettuato un sopralluogo a Palazzo Natta per valutare la possibilità e i costi per recuperare la fontana e l’esedra che impreziosiscono il giardino storico. Il progetto è stato accolto con grande entusiasmo dal presidente della Provincia di Novara Matteo Besozzi e fa seguito alla collaborazione instaurata con le aperture in occasione delle Giornate di Primavera del Fai che hanno coinvolto anche Palazzo Natta.

“Un patrimonio unico dei novaresi”

“Per prima cosa verranno valutati i costi degli interventi, poi si deciderà insieme come procedere – spiega Besozzi – ringrazio di cuore il Fai novarese e il capo delegazione Giuseppina De Vito, peraltro già consigliere provinciale, che condivide il desiderio di mantenere il valore storico artistico del giardino. Due anni fa siamo riusciti ad effettuare interventi di manutenzione agli alberi monumentali, ma per mantenere vivo e curato questo patrimonio unico dei novaresi serve uno sforzo congiunto”.

Leggi anche:  Bullismo e cyberbullismo, tre giornate dedicate al Progetto per Tommaso

Appello a coloro che possiedono materiale fotografico

Un primo appuntamento di sensibilizzazione sulla storia del giardino è già stato programmato per il 19 maggio a cura della Delegazione Giovani del Fai guidata da Matteo Caporusso. Intanto la Provincia ha lanciato un appello a coloro che possiedono materiale fotografico inedito: “E’ necessario soprattutto analizzare il dipinto, molto compromesso, che si trova sulla quinta monumentale sul lato nord del giardino. L’esedra è fortemente compromessa dall’umidità e l’intonaco è pesantemente scrostato. Occorre quindi intervenire velocemente”.