Nati per leggere, presentate in Municipio le prossime iniziative che mirano alla diffusione della lettura tra i bambini, con incontri di animazione per i piccoli e di formazione per insegnanti e genitori.

Nati per leggere, “un’azione costante per la diffusione della lettura a partire dai più giovani”

Sono state presentate questa mattina in Municipio le prossime iniziative del progetto “Nati per leggere”. “Un progetto culturale per il territorio, un’azione sistematica e costante che da anni ha come obiettivo la diffusione della lettura a partire dalle più giovani generazioni – dice il sindaco Alessandro Canelli – Grazie alle diverse iniziative previste “Nati per leggere” rappresenta da sempre un’importante risorsa e un apporto di linfa vitale per la biblioteca civica “Negroni” e per tutte le biblioteche della provincia che aderiscono al progetto”.

Il sindaco rimarca “la grande occasione rappresentata dalle varie azioni e dai vari appuntamenti previsti da “Nati per leggere” per trovare giusti stimoli e canali per la diffusione della lettura. Non solo il coinvolgimento diretto dell’utenza, ma anche iniziative di formazione per gli operatori della scuola, il personale delle biblioteche e i volontari. Questo ampio laboratorio riesce a trovare concretezza grazie all’importante contributo di Compagnia di San Paolo, da sempre partner particolarmente sensibile rispetto alle proposte culturali a favore della città e del territorio”.

Formazione e animazione

La formazione rivolta a educatrici, insegnanti  di scuola dell’infanzia, volontari della lettura, bibliotecari, prevede sette incontri e un numero complessivo di sedici ore formative. Queste attività, a numero chiuso, riguardano i temi della lettura ad alta voce (percorso di secondo livello), approfondimento dei temi che collegano la lettura al prendersi cura di, un incontro dedicato a infanzia e disabilità, il laboratorio sui libri tattili “Forme curiose”.

Un altro ambito formativo più specificamente rivolto all’area sanitaria con cui già da alcuni anni si  collabora, è rappresentato dall’iniziativa dell’11 aprile alle 17 presso l’Ordine de Medici “Curare e prendersi cura narrando: l’importanza della lettura per i piccoli pazienti”, con relatrice Emanuela Nava.

Rivolto al più vasto pubblico dei genitori e degli adulti che si prendono cura dei piccoli gli interventi di Valeria Anfossi (pedagogista e referente per il Centro per la salute del bambino di Trieste del progetto NPL dedicato alla miglior letteratura per l’infanzia il 5 maggio) e Paola Cappelletti (ricercatrice in Laboratori secondo la Metodologia Bruno Munari®  con un  laboratorio di costruzione del libro tattile “Libri abili” il 9 giugno).

A queste due iniziative si aggiungono le 8 date di maggio previste per le attività di animazione della lettura dedicate ai piccoli. Quattro incontri sono rivolti ai piccoli da 18 a 36  mesi, altri quattro ai  bambini dai 3 ai 6 anni. Saranno nel materiale di pubblicizzazione che sarà in distribuzione dopo la metà di aprile.

Leggi anche:  Tangenziale di Novara, a ottobre apre il cantiere

Iniziative sul territorio e collaborazioni

Anche a maggio è prevista un’attività di animazione della lettura proposta dalla biblioteca di Novara a dieci Comuni che nell’hinterland novarese aderiscono al progetto Nati per leggere (Borgolavezzaro, Tornaco, Vespolate, Carpignano Sesia, Caltignaga, Ghemme,  Fara Novarese, Sizzano, Romagnano Sesia, Sizzano) oltre a due specifiche attività di animazione culturale per genitori e bambini  con Flavia Manente, esperta di letteratura per l’infanzia.

E’ da sottolineare l’importanza della collaborazione sia con l’area Istruzione sia con l’area Servizi Sociali del Comune. Questa collaborazione ha consentito di ampliare la diffusione del progetto formativo e culturale di Nati per leggere nei Nidi e al Centro per le famiglie. La sinergia con gli operatori che si occupano dell’area della disabilità  ha inoltre consentito di condividere spazi e professionalità in percorsi formativi  nella sezione ragazzi della biblioteca.

Girotondo di storie

Molto importante per la promozione del libro e della lettura dentro e fuori le mura della biblioteca è  l’attività dei lettori volontari. Da ormai tre anni i volontari collaborano con la sezione ragazzi e anche quest’anno hanno animato gli incontri di lettura per bambini dai 4 ai 7 anni del sabato mattina “Girotondo di storie”. Ancora due gli appuntamenti: il 7 aprile alle 10.30 in Biblioteca “Filastrocche e tiritere”, il 21 aprile alle 20.30 “Una notte al  museo” al Museo Faraggiana. Gli stessi volontari durante l’anno scolastico si rendono disponibili a leggere nelle scuole nel periodo dedicato ai Maggio dei libri, Libriamoci oltre che in altre occasioni o progetti speciali.

L’attività nelle scuole

Per quanto riguarda l’attività rivolte alle scuole è in fase di  attuazione il progetto di “Incontro con lo scrittore Antonio Ferrara”, articolato in quattro eventi. Sono previste due giornate di corso sui temi della scrittura creativa rivolte a personale insegnante della città e del territorio.  Il 10 aprile dalle 9 al Liceo delle Scienze umane Bellini l’autore dialogherà con gli alunni di 16 classi II – III – IV e V  della Scuola primaria. Il 30 maggio all’Auditorium della Banca Popolare di Novara si rivolgerà agli  studenti di 18 classi della Secondaria di primo grado.

v.s.