Attentato al Museo del Bardo, è stato commemorato questa mattina a Novara il terzo anniversario della strage a Tunisi il 18 marzo 2015.

Attentato Museo del Bardo, commemorazione a Novara

attentato museo Bardo
Il momento della posa della corona

Si è tenuta questa mattina a Novara la commemorazione organizzata in occasione del terzo anniversario dell’attentato terroristico al Museo del Bardo di Tunisi avvenuto il 18 marzo 2015. La cerimonia si è svolta al Parco di Via Oxilia intitolato alla vittima novarese,Francesco Caldara. Un’iniziativa voluta fortemente dagli amministratori di Fratelli d’Italia, che proprio in seno al Consiglio Comunale di Novara, portarono la mozione per l’“istituzione della giornata cittadina alla memoria delle vittime innocenti dell’attentato al Museo del Bardo”.

Iniziativa di Fratelli d’Italia

A portare i saluti dell’amministrazione comunale è stato il vicesindaco Angelo Sante Bongo. Tra i presenti il senatore Gaetano Nastri, il consigliere provinciale Ivan De Grandis e i consiglieri comunali Edoardo Brustia, Maurizio Nieli e Angelo Tredanari. Oltre al momento di raccoglimento, alla presenza di Greta e Giacomo Caldara (figlia e fratello del compianto Francesco), Sonia Reddi (compagna del Caldara e a sua volta vittima sopravvissuta dell’attentato) e la signora Bottari Carolina (altra sopravvissuta) e moglie di Orazio Conte (vittima torinese), è stata deposta una corona in memoria di tutte le vittime innocenti di questo attentato terroristico di matrice islamica.

Leggi anche:  Novara Pride, tantissimi in corteo e in piazza VIDEO FOTOGALLERY

Al centro della celebrazione il valore del ricordo

Il “ricordo” è stato il valore al centro della celebrazione. Il senatore Gaetano Nastri, insieme a tutti gli amministratori di Fratelli d’Italia, ha sottolineato l’importanza di non dimenticare nel tempo questo vile atto di violenza del terrorismo integralista. Questo per far sì che oltre al dolore e allo sgomento del momento, gli anni non facciano venire meno l’attenzione su queste tematiche e non affievoliscano il ricordo.