Allattamento al seno, il progetto di Avo Novara con la Struttura di Ostetricia e ginecologia dell’ospedale Maggiore della Carità per aiutare le future mamme prevede la distribuzione di un opuscolo informativo e incontri durante la degenza e dopo il parto.

Allattamento al seno, il progetto di Avo Novara per aiutare le future mamme

Presso la struttura Ostetricia e ginecologia dell’ospedale Maggiore della Carità di Novara sarà a breve in distribuzione l’opuscolo “Allattamento al seno”. Si tratta di un testo informativo per aiutare le future mamme a conoscere le pratiche che facilitano l’allattamento al seno. La pubblicazione sarà consegnata alle pazienti nel momento in cui effettueranno l’ecografia morfologica. La realizzazione dell’opuscolo è stata resa possibile grazie alla sezione Avo di Novara che con il progetto “Allattamento al seno” si è aggiudicata il terzo posto nella graduatoria dei dieci progetti premiati nell’ambito del “Bando Assistenza CST 2017”. Il progetto oltre alla consegna dell’opuscolo prevede anche l’organizzazione di incontri informativi e confronti con le mamme durante la degenza e dopo il parto, da parte del personale medico/ostetrico, con il supporto organizzativo e la collaborazione dei volontari Avo.

Necessario il sostegno alle donne nel percorso della maternità

Oggi le donne che vivono l’esperienza della maternità necessitano di sostegno sia durante la gravidanza che nel post partum. Questa necessità oggi risulta più forte rispetto al passato in quanto le donne non hanno più il sostegno della famiglia e della rete sociale durante il percorso della maternità. Nel periodo del boom economico l’allattamento materno è stato progressivamente abbandonato a favore del latte artificiale pubblicizzato come un prodotto sicuro, pulito e facile da preparare portando gradualmente a credere che allattamento artificiale e naturale fossero sovrapponibili. Deve essere considerato che l’allattamento al seno rappresenta un importante determinante di salute. I bambini non allattati al seno hanno maggior rischio di sviluppare patologie a breve e lungo termine rispetto a quelli allattati al seno. In particolare i bambini non allattati al seno hanno un maggior rischio di sviluppare SIDS (morte in culla), infezioni gastrointestinali, infezioni dell’apparato respiratorio in età infantile e obesità, ipertensione, diabete e malattie autoimmuni in età adulta. Per tali ragioni le istituzioni sanitarie (organizzazione mondiale della sanità, ministero della salute, società scientifiche) raccomandano di allattare i bambini in modo esclusivo (assunzione di solo latte materno) per i primi sei mesi di vita.  Ciò nonostante i tassi di allattamento sono ancora molto lontani dai risultati attesi. Infatti meno del 10% dei bambini è allattato al seno in modo esclusivo fino al sesto mese di vita. Molte donne dopo il parto avviano l’allattamento materno, ma lo abbandonano nel corso del primo mese a causa di difficoltà che possono incontrare.  L’informazione in gravidanza e un adeguato sostegno nei giorni successivi al parto possono fare la differenza.

Leggi anche:  Una Provincia in cartolina, torna l'iniziativa con tanti eventi sul territorio

“La possibilità di scegliere dopo essere state informate nel modo corretto”

Le donne oggi per poter allattare hanno bisogno di informazioni corrette, di appoggio e sostegno da parte della famiglia e dei professionisti sanitari. Tutte le donne in gravidanza dovrebbero ricevere informazioni sui vantaggi e sulle pratiche che favoriscono il successo dell’allattamento al seno. Una buona informazione in gravidanza corrisponde ad esperienze positive di allattamento e percentuali più alte sia di allattamento esclusivo e che di durata. Queste le ragioni che hanno portato alla realizzazione dell’opuscolo. Lo scopo del progetto è quello di aiutare queste madri a proseguire l’allattamento nel pieno rispetto delle donne che decidono di non allattare per scelta già in gravidanza che rappresentano il 4% delle donne.

“La possibilità di scegliere dopo essere state informate nel modo corretto. Questa la finalità del progetto “Allattamento al seno”, proposto da Avo Novara nell’ambito delle iniziative di “Educazione alla salute e informazione dei cittadini” – dichiara Danila Finzi, che presiede la sezione Avo di Novara – Le volontarie dal camice azzurro sono infatti presenti anche nella struttura di Ostetricia dell’ospedale di Novara. Qui verranno realizzati, a cura delle ostetriche del reparto e grazie a questo progetto, momenti informativi per le donne, al fine di promuovere maggiore consapevolezza sul tema. Le nostre volontarie saranno presenti in modo amichevole e discreto, senza mai sostituirsi al personale medico-ostetrico, stando così accanto a persone bisognose di attenzione e vicinanza, quali anche le future e le neo-mamme, in un momento particolarmente delicato della loro vita.”
L’opuscolo è disponibile in formato pdf. nel sito www.maggioreosp.novara.it, nella sezione dedicata alla struttura “Ostetricia e ginecologia”.

v.s.