Nella giornata di giovedì a Roma è stato fatto un passo avanti per il completamento della tangenziale di Novara, ovvero il  penultimo lotto quello che collegherà la statale per il Lago Maggiore con la Strada provinciale per il lago d’Orta e alla provinciale per la Valsesia. Le procedure di gara, avviate nel 2016 si sono concluse, e la gara è stata aggiudicata anche se l’iter non è completo.
La conferma arriva dall’ufficio stampa dell’Anas: «Per i lavori sul lotto 0 e lotto 1 della Tangenziale di Novara è stata emanata l’aggiudicazione definitiva non efficace. L’efficacia della aggiudicazione è subordinata alla verifica dei requisiti prescritti per legge; all’esito positivo di tali verifiche – già avviate – e del termine di legge per eventuali ricorsi sarà stipulato il contratto, successivamente al quale sarà stabilita la data per la consegna delle attività di progettazione esecutiva e, una volta approvato il progetto esecutivo, dei lavori stessi». Una volta verificati i requisiti di legge  la gara sarà aggiudicata, e l’Anas pubblicherà l’esito di gara sulla Gazzetta Ufficiale. Un’opera del valore complessivo di oltre 124,5 milioni di euro. Sui tempi di inizio lavori l’Anas spiega  che «trattandosi di un appalto integrato, che prevede da parte dell’affidatario anche la redazione del progetto esecutivo dei lavori, l’avvio delle attività di cantiere vere e proprie avverrà presumibilmente all’inizio del 2018».
Massimo Delzoppo

Nella giornata di giovedì a Roma è stato fatto un passo avanti per il completamento della tangenziale di Novara, ovvero il  penultimo lotto quello che collegherà la statale per il Lago Maggiore con la Strada provinciale per il lago d’Orta e alla provinciale per la Valsesia. Le procedure di gara, avviate nel 2016 si sono concluse, e la gara è stata aggiudicata anche se l’iter non è completo.
La conferma arriva dall’ufficio stampa dell’Anas: «Per i lavori sul lotto 0 e lotto 1 della Tangenziale di Novara è stata emanata l’aggiudicazione definitiva non efficace. L’efficacia della aggiudicazione è subordinata alla verifica dei requisiti prescritti per legge; all’esito positivo di tali verifiche – già avviate – e del termine di legge per eventuali ricorsi sarà stipulato il contratto, successivamente al quale sarà stabilita la data per la consegna delle attività di progettazione esecutiva e, una volta approvato il progetto esecutivo, dei lavori stessi». Una volta verificati i requisiti di legge  la gara sarà aggiudicata, e l’Anas pubblicherà l’esito di gara sulla Gazzetta Ufficiale. Un’opera del valore complessivo di oltre 124,5 milioni di euro. Sui tempi di inizio lavori l’Anas spiega  che «trattandosi di un appalto integrato, che prevede da parte dell’affidatario anche la redazione del progetto esecutivo dei lavori, l’avvio delle attività di cantiere vere e proprie avverrà presumibilmente all’inizio del 2018».
Massimo Delzoppo