NOVARA – E’ stato presentato questa mattina in Municipio il programma di “Novara Risorgimentale 2018”. La rassegna di eventi organizzati come sempre in relazione all’anniversario della battaglia del 23 marzo 1849 (169°), fa riferimento quest’anno, da un lato, al centenario della fine della Grande Guerra e, dall’altro, all’esigenza di porre in rilievo aspetti non ancora approfonditi dell’interpretazione del Risorgimento in generale (produzione televisiva al riguardo) e a livello locale (vicende e persone di Borgolavezzaro e della Bassa novarese). 

Si inizia giovedì 15 marzo alle ore 17,15, all’Archivio di Stato di Novara, con la tavola rotonda “Le sconfitte che hanno fatto l’Italia: Novara 1849, Custoza 1866, Caporetto 1917”, con la partecipazione di Paolo Cirri (Novara), Marco Scardigli (Custoza) e Paolo Gaspari (Caporetto); modera Eleonora Groppetti.

Martedì 20 marzo alle ore 16,30, all’Istituto Comprensivo “Fornara-Ossola”, si terrà la Giornata di studi “4 Novembre 1918: compimento del Risorgimento nazionale?” con relatori Paolo Cirri (“Origini e natura del movimento risorgimentale”), Marco Scardigli (“Una visione di sintesi: Italia e Grande Guerra), Adolfo Mignemi (“Storia, storici e uso pubblico della storia nel XX secolo. Il caso del Risorgimento italiano”). A seguire, alle ore 18, concerto del Coro CAI “Città di Novara” con canti della tradizione storica e della montagna.

Mercoledì 21 marzo alle ore 9,30, all’Auditorium della Banca popolare di Novara in via Negroni 11, il convegno “Alla riscoperta di alcuni personaggi del Risorgimento attraverso gli sceneggiati televisivi”, con spezzoni di sceneggiati storici e le testimonianze degli attori Giuseppe Pambieri e Isabella Goldmann. Conduzione e relazioni di Claudio Recupito, studioso di filmografia a soggetto storico, “Lo sceneggiato televisivo a soggetto storico” e di Mario Gerosa, giornalista e storico della televisione, “Anton Giulio Majano regista di tanti sceneggiati televisivi”. Al termine riproposizione di spezzoni dello sceneggiato “Il Re” (1966) su Carlo Alberto a Novara nella giornata della battaglia del 23 marzo 1849.

Venerdì 23 marzo cerimonia commemorativa dei Caduti della battaglia presso il Sacrario-Ossario della Bicocca. Alle 9,45 il raduno in piazza della Chiesa, alle 10 formazione del corteo, sfilata verso il Sacrario-Ossario e deposizione della corona d’alloro; poi la Santa Messa e i discorsi delle Autorità e delle Associazioni storiche. Parteciperanno il dirigente scolastico Fabia Maria Scaglione e gli studenti dell’Istituto Comprensivo “Fornara-Ossola”. Il Sacrario-Ossario sarà aperto al pubblico dalle ore 9,30 alle 12 e dalle 14,30 alle 16,30. In caso di maltempo, la messa e i discorsi si terranno nella chiesa della Bicocca.

Venerdì 23 marzo alle ore 21 a Palazzo Longoni a Borgolavezzaro l’incontro “Borgolavezzaro e il Novarese nelle prime due guerre d’Indipendenza”, con la presentazione del romanzo storico “Gli ultimi patrioti” di Paolo Saino. Intervengono: Paolo Saino, Gianfranco Pavesi, Dorino Tuniz. 

Sabato 24 marzo alle ore 20,30, a Borgolavezzaro, in piazza Libertà e a Palazzo Longoni l’evento rievocativo, teatrale e musicale “La notte prima della battaglia. Radetzky a Palazzo Longoni”, con l’animazione da parte del Gruppo Storico risorgimentale “23 marzo 1849” di Novara, Associazione Storica “Compania de le Quatr’arme” di Moncrivello (VC), Gruppo Storico “Ricordiamo la Storia” di Savona, Gruppo Storico di Borgolavezzaro, Gruppo Storico “Nobiltà Sabauda” di Rivoli (TO) . Musiche d’epoca della Banda storica della Guardia Nazionale di Confienza.

Domenica 25 marzo a Borgolavezzaro dalle ore 10, “Scene di pace e di guerra del Risorgimento novarese”, con figuranti nelle vie e piazze del paese, accampamenti e addestramenti. Dalle 15,30, nel Parco del bosco dell’Arbogna, “Quadri del Risorgimento italiano dal 1848 al 1918” con la partecipazione del Gruppo Storico di Borgolavezzaro e dei gruppi storici italiani in uniforme austriaca, piemontese e della Grande Guerra; inni e intermezzi musicali della Banda Storica della Guardia Nazionale di Confienza.

Leggi anche:  4 Mamme, lo show protagonista a Novara

NOVARA – E’ stato presentato questa mattina in Municipio il programma di “Novara Risorgimentale 2018”. La rassegna di eventi organizzati come sempre in relazione all’anniversario della battaglia del 23 marzo 1849 (169°), fa riferimento quest’anno, da un lato, al centenario della fine della Grande Guerra e, dall’altro, all’esigenza di porre in rilievo aspetti non ancora approfonditi dell’interpretazione del Risorgimento in generale (produzione televisiva al riguardo) e a livello locale (vicende e persone di Borgolavezzaro e della Bassa novarese). 

Si inizia giovedì 15 marzo alle ore 17,15, all’Archivio di Stato di Novara, con la tavola rotonda “Le sconfitte che hanno fatto l’Italia: Novara 1849, Custoza 1866, Caporetto 1917”, con la partecipazione di Paolo Cirri (Novara), Marco Scardigli (Custoza) e Paolo Gaspari (Caporetto); modera Eleonora Groppetti.

Martedì 20 marzo alle ore 16,30, all’Istituto Comprensivo “Fornara-Ossola”, si terrà la Giornata di studi “4 Novembre 1918: compimento del Risorgimento nazionale?” con relatori Paolo Cirri (“Origini e natura del movimento risorgimentale”), Marco Scardigli (“Una visione di sintesi: Italia e Grande Guerra), Adolfo Mignemi (“Storia, storici e uso pubblico della storia nel XX secolo. Il caso del Risorgimento italiano”). A seguire, alle ore 18, concerto del Coro CAI “Città di Novara” con canti della tradizione storica e della montagna.

Mercoledì 21 marzo alle ore 9,30, all’Auditorium della Banca popolare di Novara in via Negroni 11, il convegno “Alla riscoperta di alcuni personaggi del Risorgimento attraverso gli sceneggiati televisivi”, con spezzoni di sceneggiati storici e le testimonianze degli attori Giuseppe Pambieri e Isabella Goldmann. Conduzione e relazioni di Claudio Recupito, studioso di filmografia a soggetto storico, “Lo sceneggiato televisivo a soggetto storico” e di Mario Gerosa, giornalista e storico della televisione, “Anton Giulio Majano regista di tanti sceneggiati televisivi”. Al termine riproposizione di spezzoni dello sceneggiato “Il Re” (1966) su Carlo Alberto a Novara nella giornata della battaglia del 23 marzo 1849.

Venerdì 23 marzo cerimonia commemorativa dei Caduti della battaglia presso il Sacrario-Ossario della Bicocca. Alle 9,45 il raduno in piazza della Chiesa, alle 10 formazione del corteo, sfilata verso il Sacrario-Ossario e deposizione della corona d’alloro; poi la Santa Messa e i discorsi delle Autorità e delle Associazioni storiche. Parteciperanno il dirigente scolastico Fabia Maria Scaglione e gli studenti dell’Istituto Comprensivo “Fornara-Ossola”. Il Sacrario-Ossario sarà aperto al pubblico dalle ore 9,30 alle 12 e dalle 14,30 alle 16,30. In caso di maltempo, la messa e i discorsi si terranno nella chiesa della Bicocca.

Venerdì 23 marzo alle ore 21 a Palazzo Longoni a Borgolavezzaro l’incontro “Borgolavezzaro e il Novarese nelle prime due guerre d’Indipendenza”, con la presentazione del romanzo storico “Gli ultimi patrioti” di Paolo Saino. Intervengono: Paolo Saino, Gianfranco Pavesi, Dorino Tuniz. 

Sabato 24 marzo alle ore 20,30, a Borgolavezzaro, in piazza Libertà e a Palazzo Longoni l’evento rievocativo, teatrale e musicale “La notte prima della battaglia. Radetzky a Palazzo Longoni”, con l’animazione da parte del Gruppo Storico risorgimentale “23 marzo 1849” di Novara, Associazione Storica “Compania de le Quatr’arme” di Moncrivello (VC), Gruppo Storico “Ricordiamo la Storia” di Savona, Gruppo Storico di Borgolavezzaro, Gruppo Storico “Nobiltà Sabauda” di Rivoli (TO) . Musiche d’epoca della Banda storica della Guardia Nazionale di Confienza.

Domenica 25 marzo a Borgolavezzaro dalle ore 10, “Scene di pace e di guerra del Risorgimento novarese”, con figuranti nelle vie e piazze del paese, accampamenti e addestramenti. Dalle 15,30, nel Parco del bosco dell’Arbogna, “Quadri del Risorgimento italiano dal 1848 al 1918” con la partecipazione del Gruppo Storico di Borgolavezzaro e dei gruppi storici italiani in uniforme austriaca, piemontese e della Grande Guerra; inni e intermezzi musicali della Banda Storica della Guardia Nazionale di Confienza.