NOVARA – Ieri mattina il consigliere comunale Edoardo Brustia, in rappresentanza del sindaco e dell’Amministrazione, ha portato un mazzo di fiori e una lettera di auguri alla signora Maria Bianca Baldani, che ha compiuto 102 anni.

Nata il 12 ottobre 1914, attualmente la signora Baldani risiede in via Pietro Micca 67. “Ero la quarta di quattro sorelle – racconta – e quando sono nata la sorella maggiore aveva già 24 anni. La mia nascita non è stata semplice e tranquilla, tanto che inizialmente mi davano per morta e solo quando dopo poche ore ho iniziato a piangere, si sono accorti che ero viva”.

Per Maria Bianca Baldani la vita è stata una grande e lunga avventura. “Ho vissuto a Rimini: lì – prosegue – ho studiato e ho cominciato poi a fare la maestra elementare negli istituti dell’entroterra romagnolo. In seguito mi sono trasferita a Milano, dove ho conosciuto l’amore della mia vita: ho convissuto per quarant’anni con un uomo, con il quale non mi sono mai potuta sposare poiché lui era divorziato. Per me, però, è sempre stato a tutti gli effetti mio marito. Ho continuato a fare la maestra elementare, fino alla metà degli anni Ottanta quando, ormai sola, mi sono trasferita a Novara da due miei cugini più giovani (che oggi hanno 95 e 93 anni, ndr). Oggi vivo in una casa comunale, dopo che anni fa è bruciata la mia prima casa novarese. Rimpianti? Nessuno, ho investito nei viaggi e posso dire, senza problemi, di aver girato il mondo”.

Oggi la signora Baldani, alla quale otto anni fa è stata amputata una gamba, passa il tempo facendo le parole crociate e leggendo e, due volte al giorno, accompagnata dalla badante, si dedica a una passeggiata per le vie del centro. “Mi fermo a bere il tè o l’aperitivo con le amiche che ancora sono qui con me. Sono tutte più giovani, anche di vent’anni. Per il resto – conclude – passo la vita circondata dal grande affetto dei miei vicini, che mi adorano e mi trattano come una di famiglia”.

Leggi anche:  Agromafie, il Novarese in fondo alla classifica

NOVARA – Ieri mattina il consigliere comunale Edoardo Brustia, in rappresentanza del sindaco e dell’Amministrazione, ha portato un mazzo di fiori e una lettera di auguri alla signora Maria Bianca Baldani, che ha compiuto 102 anni.

Nata il 12 ottobre 1914, attualmente la signora Baldani risiede in via Pietro Micca 67. “Ero la quarta di quattro sorelle – racconta – e quando sono nata la sorella maggiore aveva già 24 anni. La mia nascita non è stata semplice e tranquilla, tanto che inizialmente mi davano per morta e solo quando dopo poche ore ho iniziato a piangere, si sono accorti che ero viva”.

Per Maria Bianca Baldani la vita è stata una grande e lunga avventura. “Ho vissuto a Rimini: lì – prosegue – ho studiato e ho cominciato poi a fare la maestra elementare negli istituti dell’entroterra romagnolo. In seguito mi sono trasferita a Milano, dove ho conosciuto l’amore della mia vita: ho convissuto per quarant’anni con un uomo, con il quale non mi sono mai potuta sposare poiché lui era divorziato. Per me, però, è sempre stato a tutti gli effetti mio marito. Ho continuato a fare la maestra elementare, fino alla metà degli anni Ottanta quando, ormai sola, mi sono trasferita a Novara da due miei cugini più giovani (che oggi hanno 95 e 93 anni, ndr). Oggi vivo in una casa comunale, dopo che anni fa è bruciata la mia prima casa novarese. Rimpianti? Nessuno, ho investito nei viaggi e posso dire, senza problemi, di aver girato il mondo”.

Oggi la signora Baldani, alla quale otto anni fa è stata amputata una gamba, passa il tempo facendo le parole crociate e leggendo e, due volte al giorno, accompagnata dalla badante, si dedica a una passeggiata per le vie del centro. “Mi fermo a bere il tè o l’aperitivo con le amiche che ancora sono qui con me. Sono tutte più giovani, anche di vent’anni. Per il resto – conclude – passo la vita circondata dal grande affetto dei miei vicini, che mi adorano e mi trattano come una di famiglia”.